thumbnail Ciao,

I nerazzurri vincono di misura la prima partita della serata grazie al goal del brasiliano Coutinho, cinico a capitalizzare il grave errore dell'ex Lucio.

La dodicesima edizione del Trofeo Tim si apre con il 'Derby d'Italia'. La Juventus si rende pericolosa sin dalle prime battute con Quagliarella che non trova il tempo giusto per battere verso la rete sguarnita, graziando di fatto la retroguardia di Stramaccioni. Neanche un minuto e nuovamente l'attaccante partenopeo prova a sorprendere Handanovic con un colpo di testa troppo centrale.

E' Madama a fare la partita mentre l'Inter si limita faticosamente a contenere le avanzate avversarie. E proprio da una di queste sortire nasce l'ennesima occasione per Quagliarella che gira di testa ma la mira è imprecisa di poco.

Per la prima accelerata dei nerazzurri bisogna aspettare quasi dieci minuti di gioco con Milito che viene chiuso a ridosso dell'area di rigore. L'Inter si affida ai lanci lunghi e proprio da uno di questi potrebbe crearsi un'opportunità per Palacio che viene chiuso provvidenzialmente da Storari in uscita.

Il goal arriva un minuto più tardi con il brasiliano Coutinho, lesto ad approfittare di un errore clamoroso dell'ex Lucio e a gelare Storari con un sinistro letale. La rete sembra aver liberato gli uomini di Stramaccioni che, per un pelo, non trovano il secondo sigillo con Milito sul tiro-cross di Jonathan.

La Juventus accusa il colpo e fatica a reagire, riuscendo ad arrivare dalle parti di Handanovic solo con un colpo di testa timido di Matri che finisce innuocamente proprio tra le braccia del portiere sloveno. I nerazzurri si preoccupano di non lasciare spazio agli avversari, inducendoli ai tiri dalla distanza come nel caso del giovane Marrone la cui conclusione viene neutralizzata dall'ex estremo difensore dell'Udinese.

Madama da comunque l'impressione di essere tornata in partita e va vicina al pareggio in due occasioni: prima con una punizione di Vidal dal limite dell'area che sorvola la traversa e, successivamente, con il solito Quagliarella che spara addosso ad Handanovic, bravo a chiudergli lo specchio della porta.

I bianconeri cercano con insistenza il pareggio ma il destro di Quagliarella trova solo l'esterno della rete. Ci prova anche Matri, poderoso nell'andar via di fisico a Mbaye ma il suo suggerimento a centroarea viene spazzato via da Jonathan. Sulla ripartenza Coutinho fa tutto da solo ma il suo tiro a giro viene bloccato a terra da Storari.

L'Inter soffre la spinta della Juventus inducendo Stramaccioni ad un cambio conservatore: fuori l'autore del goal Coutinho, dentro il terzino di spinta Nagatomo. Poco più tardi l'allenatore romano lancia nella mischia il giovane Longo ed il nuovo arrivato Silvestre.

L'ultima occasione per pareggiare degli uomini di Conte arriva con un'inzuccata perentoria di Asamoah che finisce altissima sopra la traversa. I primi tre punti della serata vengono incamerati dai nerazzurri mentre la Juventus dovrà affrontare subito il Milan.

IL TABELLINO

INTER-JUVENTUS 1-0

MARCATORI: 11' Coutinho

INTER (4-3-3 ) : Handanovic; Jonathan, Ranocchia, Chivu, Mbaye (38' Silvestre); Zanetti, Cambiasso, Guarin; Coutinho (33' Nagatomo), Palacio (38' Longo), Milito. A disp: Castellazzi, Belec, Bianchetti, Samuel, Benassi, Del Piero, Masi, Forte. All: Stramaccioni

JUVENTUS (3-5-2 ) : Storari; Masi, Lucio, Caceres; Lichtsteiner, Asamoah, Vidal, Marrone, De Ceglie; Quagliarella Matri. A disp: Leali, Citti, Branescu, Rugani, Untersee, Ziegler, Pires, Bouy, Padoin, Pazienza, Pepe, Schiavone, Boakye, Vucinic. All: Conte

Sullo stesso argomento