thumbnail Ciao,

Hamsik giura amore al Napoli e non si nasconde: "Qui gli stimoli non ti mancano mai, possiamo essere l'anti-Juve. Nuovo modulo? No problem, ci ho già giocato"

Dal ritiro di Dimaro il centrocampista slovacco rimpiange Lavezzi ma precisa: "Tutti dobbiamo sentirci importanti, voglio divertirmi e vincere come abbiamo fatto l'anno scorso".

Marek Hamsik indossa i panni del leader. Dal ritiro di Dimaro, il centrocampista ha parlato del progetto Napoli e delle aspettative in vista della nuova stagione lasciando trasparire grande voglia di presentarsi ai nastri di partenza nel migliore dei modi e giurando amore ai colori azzurri.

"Mi trovo bene, qui ho tutto quello che mi serve. Sto trovando tanti stimoli, con questi tifosi non mancano mai. Nella vita di un calciatore essere felice è la cosa più importante - ha assicurato lo slovacco - C'è una grande tifoseria che non si trova da altre parti. Penso solo a dare il massimo per questa maglia. Voglio onorarla perché è speciale per i tifosi. Il mio unico pensiero è fare bene".

L'addio di Lavezzi è stato un duro colpo per Hamsik, ma è tempo di guardare avanti: "E' un grande calciatore e amico. Sicuramente resterà nella storia di questa squadra, i tifosi lo volevano tanto bene. Ma tutti i calciatori si devono sentire rappresentativi e idoli di questa città. In questi cinque anni abbiamo dimostrato di migliorare e crescere. Dobbiamo proseguire su questa strada".

Un gruppo unito e che si conosce, questa la componente su cui Hamsik punta per arrivare in alto: "Noi abbiamo un mister da quattro anni e da due giochiamo sempre con la stessa squadra. Questa è una cosa importante. Scudetto? Ci sono tante squadre che possono essere l'anti-Juve. Noi siamo tra queste e ce la dobbiamo giocare. Non siamo gli unici, bisogna contare anche Milan, Inter, Roma e Lazio".

Oltre al campionato, ci sono Supercoppa (all'orizzonte), Europa League e Coppa Italia: "A Pechino sarà una bella sfida, difficile. Non dimentichiamo che la Juventus ci ha battuto 3-0. Sarà una gara secca, può succedere di tutto. Per il resto, sia in Europa che in Coppa Italia vogliamo andare avanti il più possibile".

Gli accorgimenti tattici decisi da Mazzarri non sembrano preoccupare più di tanto lo slovacco: "Con questo modulo abbiamo già giocato con Reja e Donadoni. Non vedo problemi in questa nuova posizione, deciderà il mister in che posizione schierarmi. Ha detto che sarà più duro e non guarderà in faccia a nessuno. Per me è giusto così, sicuramente è un motivo di stimolo in più. Ha dimostrato di essere un grande allenatore".

Parlando dei singoli, Hamsik si è soffermato su alcuni compagni e su uno che potrebbe presto diventarlo: "Gargano via? Sta qui, pensa solo ad allenarsi bene. Non so cosa può succedere. Pandev è un grande calciatore. Insigne negli ultimi due anni ha fatto vedere di avere un grande talento. Credo che farà molto bene, così come Edu Vargas che ha grandi potenzialità. Behrami? Se dovesse arrivare sarà solo un bene per il Napoli".



Sullo stesso argomento