thumbnail Ciao,

La serie A guida la classifica dei campionati più virtuosi economicamente, dietro solo il Brasile a +27 e l'Olanda a +25. Dall'oriente solo bilanci in negativo.

L’abitudine e il costume tutto italiano di continuare a spendere anche in tempi di crisi sembra arrestatosi. Volenti o nolenti i nostri club non sono più in grado, almeno per il momento, di competere con le potenze straniere.

Non si tratta più di una specie di G8 calcistico: nell’epoca della globalizzazione non stupisce se a cercare di accaparrarsi i campioni non ci sono più solo spagnoli e inglesi. La Cina, la Russia, il Medio Oriente entrano nei mercati europei per fare la spesa e se più si va verso est e più gli obiettivi di mercato vengono individuati in nomi altisonanti ma anagraficamente pesanti, la Russia, con il suo campionato discreto, riesce ad accaparrarsi anche veri e propri campioni.

Tuttavia, l’Italia resta fra le virtuose, perché è nell’occhio del ciclone, dall’estero conoscono le nostre debolezze economiche e vogliono comprare i nostri gioiellini. Il risultato? Gli altri si indebitano e rischiano in prospettiva fair play finanziario, noi, invece, mettiamo un bel più davanti al 35. Il saldo attuale della serie A è in positivo.

Quindi se davvero è reale questo presunto downgrade della serie A a campionato minore, possiamo goderci almeno i soldi, che non fanno mai male, e iniziare ad investire sui baby campioni. Sempre, e troppo, maltrattati dal calcio italiani, considerati enfants prodiges fino alla maturità e mai sfruttati sin dall’inizio.

Nel 2014 la politica di Platini entrerà a pieno regime e allora come giustificheranno le uscite gli sceicchi del PSG e del Manchester City? Quali bilanci presenteranno alla Uefa? Quelli in negativo di 500 milioni del Manchester United?

La domanda sorge spontanea. Meglio perdere due top players o rischiare di spendere denaro senza averne nelle casse? Meglio sopravvivere per altri due stagioni e coltivare i nostri talenti o cercare la vittoria facile creando dei dream teams?

Sullo stesso argomento