thumbnail Ciao,

Il tecnico spezza una lancia in favore della famiglia Pozzo nonostante la cessione dei 'big' e il mancato arrivo di elementi di spicco: "Tra noi esistono feeling e chiarezza".

La stagione dell'Udinese apre i battenti e per Francesco Guidolin è tempo di parlare. Il tecnico ha tenuto la sua prima conferenza stampa della nuova annata e ha dovuto fare i conti con le prime 'spine' legate a un mercato sottotono in entrata ma che invece ha visto il club dare via gran parte dei suoi 'gioielli'.

"Con la società - spiega Guidolin - ci siamo parlati sempre con chiarezza e tra noi c'è feeling. Chi allena qui sa che operano in un certo modo e negli anni i risultati dicono che della famiglia Pozzo ci si può fidare. Sono soddisfatto di quanto chiesto. I nuovi acquisti non li conosco, ma se l'Udinese li ha ingaggiati vuol dire che hanno delle qualità".

In merito agli obiettivi stagionali, il condottiero dei friulani mantiene un profilo basso: "Veniamo da due annate strepitose, ma dobbiamo subito dimenticare i 130 punti conquistati in totale. Cercheremo di mettere in difficoltà chiunque, con in testa sempre la priorità di raggiungere i 40 punti. Poi, sappiamo di poter trovare risorse interne che possono farci andare oltre, ma il nostro campionato resta difficile".

Uno dei perni della nuova Udinese sarà Luis Muriel: "Lo conosco perchè dopo un infortunio era stato qui per un paio di mesi. Ha qualità, ma prima di giudicare bisogna che dimostri tutto il suo valore. Aspetterei di vederlo all'opera con me per poter parlare. L'addio di Handanovic? E' il portiere più forte d'Europa, con noi è cresciuto tanto. E' la stessa cosa che accadrà al suo successore, dobbiamo subito lavorare per costruire un nuovo Samir".

Infine, Guidolin lancia un messaggio ai tifosi: "E' normale che ci siano malumori per le cessioni illustri, ma il club ha sempre lavorato con questa filosofia. E' normale che se fai bene qui per due anni, poi qualcuno spicchi il grande salto. Ma adesso bisogna sostenere i nuovi, potranno diventare i nuovi Sanchez, Inler...".


Sullo stesso argomento