thumbnail Ciao,

Burdisso si è stufato, ora vuole una Roma vincente: "Non dovrà essere altro anno di transizione, ma Juventus e Milan sono di altro livello"

"Ho sensazioni positive, un ritiro così intenso non l'avevo mai affrontato. Forse solo all'inizio della carriera" le parole del centrale in conferenza stampa.

Dopo capitan Totti e Bojan, è il turno di Nicolas Burdisso. Nuova conferenza stampa giallorossa dal ritiro di Riscone di Burnico, dove di fatto si sta preparando la nuova stagione con il ritorno in panchina di mister Zeman.

"Ho sensazioni positive, un ritiro così intenso non l'avevo mai affrontato. Forse solo all'inizio della carriera" ha diciarato il centrale argentino davanti ai microfoni. Dopo l'annata dello scorso anno, con alti e bassi, servirà trovare continuità: "Siamo tutti consci che siamo chiamati a dare il massimo, dovremo raggiungere la massima forma fisica".

Per ora occhio ai proclami: "Dobbiamo ancora crescere. Non siamo sullo stesso livello di Juventus e Milan ma siamo ugualmente forti. Possiamo contare su tanti giovani, lusso che in pochi possono permettersi".

Dovrà essere l'anno delle consacrazioni in casa Roma: "Dovrà essere l'anno di Lamela. Lo stesso vale per Osvaldo e Pjanic: faranno un gran campionato. Non vogliamo che questo sia un altro anno di transizione". Squadra avvisata.

Sullo stesso argomento