thumbnail Ciao,

Alla presentazione della squadra, presidente e ad rossoblu sprizzano ottimismo. Nonostante la cessione alla Samp di Maxi Lopez: "Qui resta solo chi è convinto"

L'addio dell'ad Pietro Lo Monaco e la cessione di Maxi Lopez, entrambi salpati da Catania in direzione Genova, potrebbero far pensare a una stagione di ridimensionamento. E invece, quel che si intuisce dalle dichiarazioni del numero uno rossoblu Antonino Pulvirenti è che sotto l'Etna hanno ancora voglia di stupire, dopo i tempi belli con Vincenzo Montella in panchina.

Intervenuto alla tradizionale (è il quinto anno consecutivo) presentazione della rosa nell'Aula Magna del Palazzo Centrale dell'Università di Catania, il presidente dei siciliani ha trovato un neo, uno dei pochi, nella scorsa stagione. "Abbiamo fissato il nostro obiettivo a quota 50 punti -ha affermato Pulvirenti-, sbagliando: perché una volta arrivatici ci siamo sgonfiati e abbiamo mollato. Quest'anno non ripeteremo l'errore. Per questo non voglio più stabilire dei limiti".

Come ogni anno, a Catania la speranza è che tutto -o tanto- cambi per restare gattopardianamente uguale a se stesso. A partire dalla panchina, dove al posto di Montella è stato chiamato l'esordiente Rolando Maran, per continuare con l'attacco, dove l'assenza di Maxi Lopez, già metabolizzata nella seconda metà dello scorso campionato, è ora diventata definitiva. "Sono dispiaciuto che sia andato via -continua il pres-, ma solo in parte. A Catania resta solo chi vuole impegnarsi per questa maglia, e lui voleva andarsene".

Un altro argentino, il portiere Andujar, potrebbe -lui sì- fermarsi a Catania, dopo le voci che lo volevano nuovamente in partenza. "Il suo non è un caso spinoso. Se Andujar è convinto di rimanere, e credo proprio sia così, è il bentornato". Capitolo mercato: il neo ad Sergio Gasparin cercherà di tradurre in pratica le parole pronunciate ai tifosi ("vi innamorerete di questa squadra") con acquisti giovani e di prospettiva. In tale ottica va considerato l'interesse per la Zanzara De Luca e il terzino Grillo, lo scorso anno al Varese con Maran. Quest'ultimo potrebbe sostituire Marchese, nel mirino di vari club di A.

Sullo stesso argomento