thumbnail Ciao,

Rosanero deludenti nelle ultime due stagioni. Il presidente si difende: "Sto facendo il massimo e nonho alcuna intenzione di mollare". Il nuovo stadio è la priorità

Il presidente Zamparini non ha alcuna intenzione di lasciare il Palermo.  Però… “Con questa crisi è diventato difficile gestire una squadra di calcio. Noi deludenti nelle ultime stagioni? Sono stati fatti degli errori, sì, ma stiamo cercando di rimediare. La gente deve avere pazienza però, è impossibile fare grandi investimenti di questi tempi”. Discorso diverso per la costruzione di un nuovo stadio, indispensabile per rilanciare le ambizione della squadra.

Maurizio Zamparini non molla. I palermitani posso stare tranquilli: “Non vado da nessuna parte – spiega il patron al ‘Corriere dello sport’ – e ci tengo a dire che la nostra è una società sana. Abbiamo i conti in regola, siamo un buon esempio per le altre squadre”.

I tifosi però vorrebbero una squadra più forte. Dopo due campionati deludenti, si aspettano investimenti di qualità: “Ma è impensabile di questi tempi” replica Zamparini.  “Io sto facendo il massimo, ho ricostruito la dirigenza, ho chiuso già qualche colpo di mercato. I nostri sostenitori devono sapere che faremo tutto ciò che sarà possibile. Altri acquisti? Prendete il Milan: va a caccia di svincolati. La situazione è questa. Balzaretti noi non glielo diamo comunque…”.

Il segreto per rilanciare le ambizioni della squadra? Costruire un nuovo stadio: “Se negli ultimi anni abbiamo perso molti spettatori è anche per questo. Il Barbera non è un impianto accogliente, non fa venire la voglia di venirci a vedere le partite. I risultati c’entrano sino a un certo punto. Investire per avere uno stadio di proprietà è la scelta giusta. Sono fiducioso, ne stiamo parlando con il Comune”.



Sullo stesso argomento