thumbnail Ciao,

Il presidente dell'Udinese: "Due annate ricche di soddisfazioni, per me il raggiungimento del terzo posto è stato un grande regalo dopo tanti anni di calcio".

"Voglio trattenere tutti i gioielli". Il patron dell'Udinese Gianpaolo Pozzo sembra aver deciso di cambiare rotta: dopo esser stato per anni un grande trampolino, la società bianconera adesso intende giocarsi le proprie chance fino in fondo e per farlo c'è bisogno di mantenere inalterata o quasi la rosa che ha centrato il terzo posto.

Ai microfoni di Udinese Channel, Pozzo ha spiegato qual è la politica societaria: "Adesso lo sforzo più grande per noi è quello di convincere questi calciatori che fanno gola ai grandi club di pensare all’Udinese per approdare ad altre squadre più blasonate c’è tempo, il nostro scopo è quello di trattenere i nostri gioielli per altri anni ad Udine al fine di raggiungere grandi traguardi con la maglia bianconera, questo è il nostro compito anche attraverso iniziative che stiamo promuovendo come la costruzione di un nuovo stadio ed il grande coinvolgimento dei tifosi".

Il nuovo stadio è uno dei grandi pallini del presidente: "Per la squadra l’affetto dei tifosi è fondamentaleì, sentire il calore della piazza è determinante, vedere lo stadio pieno è un mio sogno, voglio che un domani il Friuli diventi un catino bollente, dove i giocatori si sentano gratificati”.

Pozzo ha infine tirato le somme di una stagione che si è rivelata ancora una volta molto positiva per l'Udinese: “Sono rimasto veramente contento, sono state due annate ottime, contraddistinte da grande soddisfazioni, per me il raggiungimento del terzo posto è stato un grande regalo dopo tanti anni di calcio. Non è stato facile tagliare certi traguardi anche se adesso abbiamo il peso della responsabilità di cercare di non vanificare questi sforzi e mantenere i livelli raggiunti”.

Sullo stesso argomento