thumbnail Ciao,

Agli azzurri serve agganciare l'Udinese a cui basta un solo punto, l'Inter si gioca le ultime chances proprio contro i biancocelesti. Lotta salvezza: Genoa 'ok' con un pari, ma...

A novanta minuti dal termine del campionato, due obiettivi su tre sono ancora tutti in discussione. Assegnato lo scudetto, resta da definire il quadro relativo a terzo posto e lotta salvezza. La matematica parla chiaro: sono sei, in totale, le squadre ancora in corsa. Il 'Corriere dello Sport', fa il punto della situazione analizzando tutti gli scenari possibili.

Per quanto riguarda la lotta Champions, l'ultimo turno ha fatto pendere i favori del pronostico tutti dalla parte dell'Udinese. Ai friulani basterà un punto a Catania per festeggiare l'approdo ai preliminari e dunque a Napoli e Lazio vincere potrebbe non servire. A quota 62, infatti, i friulani potrebbero essere raggiunti dalla sola Lazio (che affronterà l'Inter), con cui però sono in vantaggio negli scontri diretti.

In caso di sconfitta in Sicilia, l’Udinese potrebbe essere scavalcata dalla Lazio, ovviamente. Oppure venire raggiunta a quota 61 dal Napoli, dall’Inter o da tutte e due e in tutti e tre i casi avrebbe la peggio. Con un arrivo a tre squadre a 61, la classifica avulsa darebbe il terzo posto al Napoli (10 punti), il quarto all’Udinese (4) e il quinto all’Inter (3). Con la vittoria dell’Inter domenica prossima, ovviamente, la Lazio resterebbe a 59 punti, chiudendo al sesto posto.

Ricapitolando: Lazio terza se vince e l'Udinese perde; Napoli terzo se vince, l'Udinese perde e la Lazio non vince; Inter terza se batte la Lazio, il Napoli non vince e l'Udinese perde (in caso di arrivo a pari punti con i friulani, infatti, gli scontri diretti sorriderebbero ai nerazzurri sconfitti 0-1 a San Siro ma vittoriosi 1-3 al ritorno).

Dalla corsa Champions alla lotta per evitare la retrocessione. Qui se la giocano Genoa e Lecce, con i liguri favoriti in quanto tre punti avanti ai pugliesi. Al 'Grifone' basta un pari col Palermo per evitare l'incubo della B, ma anche una sconfitta se i salentini non dovessero vincere a Verona contro il Chievo.

In caso di successo giallorosso e ko del Genoa, invece, a pari punti varrebbe la differenza reti (visto che gli scontri diretti risultano essere in perfetto equilibrio) che premierebbe il Lecce (-15 a dispetto del -21 dei rossoblù).

Sullo stesso argomento