thumbnail Ciao,

Il tecnico continua la sua guerra psicologica con il collega juventino, ma - pur a dispetto delle rassicurazioni di Berlusconi - pare che Silvio abbia dato un compito a Galliani...

E' un Massimiliano Allegri sicuro di sè quello che, alla vigilia del match che vedrà opposto il suo Milan - in disperata rincorsa alla Juventus lanciata verso lo scudetto - all'Atalanta, svela ai cronisti il motivo delle sue sicurezze.

"Con il presidente ho un ottimo rapporto, l'ho sentito ieri mattina. Volete sapere se mi ha detto qualcosa tipo: 'Mi dia retta, io ho fiducia in lei, lasci stare quello che si dice in giro?'. Indovinato...".

Insomma, non ci sarebbero problemi per la riconferma del tecnico che nella scorsa stagione ha vinto il titolo al primo colpo e che quest'anno sta continuando a fare bene, come rivendica lo stesso Allegri snocciolando i suoi risultati.

E l'evidenziare la bontà del suo lavoro dà l'occasione al buon Max per tornare su un suo 'cavallo di battaglia', ovvero il goal fantasma di Muntari non concesso da Tagliavento contro la Juventus. Il livornese non lo nomina, evidentemente per non "continuare ad annoiare" Antonio Conte, scegliendo un'altra strada per ricordare a tutti quanto a suo parere la volata scudetto sia pesantemente condizionata da quell'episodio.

"Non voglio cancellare quest'annata, anche se non vinceremo lo scudetto sarà positiva perchè abbiamo conquistato la Supercoppa, siamo arrivati nei quarti di Champions e siamo in corsa per il primo posto. La Juve al momento sta facendo un gran campionato, ha gli stessi punti nostri e noi stiamo pagando la partenza non brillante. L'anno scorso i due derby avevano fatto la differenza, quest'anno la stanno facendo i due scontri diretti...".

Pur a dispetto delle sue sicurezze, Allegri tuttavia farà bene a non sentirsi tra due guanciali cirrca il suo futuro al Milan, visto che la 'Gazzetta dello Sport' svela come Berlusconi abbia dato mandato ad Adriano Galliani di contattare Pep Guardiola, sempre più 'sognato' nelle stanze di Arcore dopo il suo addio al Barcellona...

Sullo stesso argomento