thumbnail Ciao,

Oggi i nerazzurri dovrebbero giocare con un ulteriore variazione di modulo: probabile l'alberello con Sneijder e Zarate dietro l'inamovibile Milito unica punta.

Il calcio è davvero strano nelle sue dinamiche, e ne abbiamo avuto un'ulteriore prova leggendo la lista dei convocati dell'Inter in vista del match di oggi contro l'Udinese, più che mai decisivo - nonostante Andrea Stramaccioni non voglia sentir parlare di ultima spiaggia - per continuare a credere nel terzo posto utile per la Champions League.

Così accade che Diego Forlan, sempre schierato finora dal giovane tecnico nerazzurro nelle prime 4 partite della sua gestione, pur a dispetto di prestazioni scadenti e di una critica impietosa, finisca non solo fuori dall'undici titolare del Friuli ma addirittura anche dall'elenco dei convocati.

"Scelta tecnica - spiega limpidamente l'allenatore - In questo momento il campo non dà ragione nè a lui, nè a me che l'ho schierato". Una bocciatura pesante e che sicuramente avrà strascichi, visto che comunque l'attaccante uruguaiano ha ancora un anno di contratto in essere, con ingaggione adeguato al suo (ex) status.

Intanto oggi l'Inter, con ogni probabilità, si schiererà a Udine con un inedito - nella gestione Stramaccioni - 4-3-2-1, con il redivivo Sneijder e il 'pupillo' Zarate alle spalle dell'inamovibile Milito come punta unica.

E dal passato arrivano le parole di Claudio Ranieri, che dalle pagine de 'Il Mattino' punge la sua ex squadra: "Essere disoccupato in questo momento non mi angoscia, anche perchè non è la prima volta che mi capita. Di certo non mi è piaciuto il comportamento che l'Inter ha tenuto nei miei riguardi, ma non porto rancore verso il club nerazzurro...".

Sullo stesso argomento