thumbnail Ciao,

Simone Perrotta ha invece riconosciuto i meriti dei bianconeri: "A prescindere dal rigore la Juventus ha stra-meritato il risultato. È attrezzata per vincere il campionato".

Nonostante il rotondo successo della Juventus sulla Roma, a Pablo Daniel Osvaldo non è piaciuto il comportamento dell’arbitro Bergonzi nel modo di raffrontarsi con i giocatori sul campo. “La partita mi è sembrata indirizzata dall’inizio – ha affermato l’attaccante ai microfoni di ‘Rai Sport’ – mi sono sentito preso in giro”.

L’italo-argentino ha poi rincarato la dose. “Mi prendo la responsabilità di quello che dico, – ha sottolineato Osvaldo – in campo mi sentivo impotente, Bergonzi mi rideva in faccia. Quando provavo a parlarci sembrava che fosse Dio in terra…”.

Decisamente meno polemico invece Simone Perrotta, che intervistato da ‘Sky Sport’, ha riconosciuto i meriti dei bianconeri. “A prescindere dal rigore, – ha detto – la Juventus ha stra-meritato il risultato. Parlare di questo ora mi pare molto riduttivo. L'arbitro ha deciso per l'espulsione ed accettiamo serenamente il tutto”.

Perrotta ha quindi chiarito i compiti affidatigli da Luis Enrique. “Dovevo fare la mezz’ala in fase di possesso palla, – ha spiegato – con possibilità di inserirmi, poi in fase di non possesso dovevo andare su Pirlo. Purtroppo la gara si è messa subito in salita, la Juventus è una squadra molto forte ed attrezzata per vincere il campionato e bisogna riconoscere i meriti anche a loro”.

Quindi un giudizio su Daniele De Rossi, che per Perrotta può giocare sia da centrocampista che da difensore. “Per le qualità che ha – ha asserito – può fare sia il regista davanti alla difesa che il centrale difensivo puro, fa la fase difensiva in modo eccezionale e negli schemi di Luis Enrique può fare questo ruolo alla grandissima”.

Nonostante il pesante rovescio di Torino, Perrotta è convinto che i giallorossi sapranno rialzarsi presto. “Purtroppo la gara si è messa subito in salita, la Juventus è una squadra molto forte ed attrezzata per vincere il campionato e bisogna riconoscere i meriti anche a loro. – la sua analisi della gara – La nostra è una squadra che è stata rinnovata pesantemente e ci vorrà del tempo. È stato fatto un grande lavoro, con giocatori di prospettiva, e credo potranno arrivare i frutti che tutti ci attendiamo”.  

Sullo stesso argomento