thumbnail Ciao,

Il tecnico nerazzurro spiega perchè i suoi sono ancora in corsa: "Non possiamo nasconderci, finché c'è la possibilità della matematica dobbiamo provarci.

Si ferma di nuovo la rincorsa Champions dell'Inter. Solo uno 0-0 contro la Fiorentina, da prendere anche con ringraziamenti alla dea bendata per quel rigore fallito da Ljajic. Andrea Stramaccioni non ne vuole però sapere di mollare il sogno terzo posto.

"Abbiamo sofferto per merito loro - ha spiegato nel postpartita -, hanno fatto una prestazione importante in fase di non possesso. Champions sfumata? Non possiamo nasconderci, finché c'è la possibilità della matematica dobbiamo provarci, anche se abbiamo tante squadre davanti".

L'Inter del Franchi non è piaciuta: "Il nostro è un passo indietro per quanto riguarda il gioco offensivo, ma contro i viola oggi non era facile. Ho inserito tanti giocatori di qualità per cercare di punire i nostri avversari sull'uno contro uno nell'unica zona in cui ci lasciavano spazio,  sulle corsie: con Alvarez, Zarate e gli inserimenti di Maicon e Nagatomo ci siamo riuscit in parte".

Strama ha provato a cambiare qualcosa, ma senza sortire effetti: "Avevo chiesto a Poli e Cambiasso un'iniziativa in cabina di regia, volevo guadagnare un uomo sulla trequarti. Sfondare era veramente difficile, la loro difesa era molto compatta e praticamente a 5: quando abbiamo mosso palla in velocità la squadra ha attaccato bene, far male sui palloni alti era pressoché impossibile viste le caratteristiche dei loro tre centrali".

Ennesima delusione stagionale per Diego Forlan, sostituito ad inizio ripresa. Stramaccioni abbozza una timida difesa: "Se l'ho messo in campo è perché la ritenevo la scelta giusta e vedendo i suoi allenamenti in settimana la rifarei, poteva fare meglio ma questo discorso vale per tutti". Anche per lui.

Sullo stesso argomento