thumbnail Ciao,

Traguardo mostruoso per Antonio Nocerino, intanto: in Italia, stagionalmente, nessuno ha giocato come lui, 50 partite in quattro competizioni.

Se non ci fosse Ibra, che tra l'altro ad aprile pare ovviamente stanco, il Milan sarebbe veramente in difficoltà. Incassare pochi goal non serve, i 23 dello svedese in campionato neppure: per tornare capolista gli attaccanti dovranno macinare reti, senza doversi appigliare a Zlatan.

Pato ai box, Baoteng soffre di pubalgia, Maxi Lopez ed El Shaarawy non sono compatibili con Ibrahimovic. Allegri continua a preferire Robinho proprio perchè la coppia è collaudata, ma il brasiliano sbaglia tanto, troppo, sotto porta.

Sarà dunque Antonio Cassano l'uomo più in queste ultime giornate di testa a testa con i bianconeri: tornato in campo nell'ultima gara, non ha messo in mostra giocate assurde, ma l'importante è ovviamente averlo recuperato. La condizione fisica è buona e anche part time potrebbe innescare Ibra meglio dei colleghi di reparto, segnando più di Binho.

Traguardo mostruoso per Antonio Nocerino, intanto: in Italia, stagionalmente, nessuno ha giocato come lui, 50 partite in quattro competizioni. Finora ha messo insieme 3901 minuti, più le partite con la Nazionale: in Europa solo 16 calciatori hanno giocato più di lui.

Sullo stesso argomento