thumbnail Ciao,

Il portiere, insieme a Dainelli e al bomber, è stato tra gli artefici del progetto Fiorentina: "L'arrivo di Alberto è un altro segnale importante da parte della società".

Sebastian Frey, Dario Dainelli e... Alberto Gilardino. Per un giocattolo che si smonta, eccone uno che prende forma. Il Genoa si veste sempre più di 'viola' con tre tra gli artefici del progetto Fiorentina. L'arrivo praticamente certo del bomber, non lascia indifferente il portiere francese.

"E' inutile che stia qui ad elencare le sue qualità - ha affermato Frey a 'Sky Sport' - È un ragazzo ottimo e dimostrerà a tutti che è un grande attaccante, come lo ha sempre dimostrato. Spero di cuore ci raggiunga perché faremo il salto di qualità".

Il club di Preziosi, dunque, sembra avere le idee chiare: "L’ho detto quando ho firmato e quando ho scelto questa come piazza - spiega l'estremo difensore - È l’inizio di un progetto importante e la proprietà lo fa capire con gli investimenti. L’arrivo di 'Gila' è un altro segnale molto importante ed ora sta a noi prepararci per ottenere il massimo in campo e gli obiettivi posti in estate. L’Europa non è poi così lontana, la classifica è molto corta ed è un campionato molto particolare".

Un gennaio che consegnerà al campionato un Genoa rivoluzionato, a partire dalla guida tecnica affidata a Pasquale Marino: "Siamo contenti di averlo qui - ammette Frey - Vogliamo comunque ringraziare Malesani per quello che è riuscito a fare, non ci ha fatto mancare niente, purtroppo nel calcio sappiamo che è l’allenatore il primo a pagare le conseguenze se non arrivano i risultati. Ora non vediamo l’ora di riniziare questo campionato".

Sullo stesso argomento