Conte bacchetta lo Juventus Stadium: "Mi sembra di essere a teatro, non sento il tifo che vorrei"

L'allenatore bianconero incita il pubblico ad incitare maggiormente la squadra quando gioca e quando si trova in difficoltà tra le mura amiche.
Alla Juventus, nonostante il primato in classifica, manca qualcosa secondo il suo tecnico Antonio Conte. E' questo qualcosa è il dodicesimo uomo. L'allenatore bianconero 'bacchetta' infatti il pubblico dello Juventus Stadium, che a suo modo di vedere non crea quell'atmosfera che invece potrebbe ulteriormente dare una spinta alla squadra ed intimorire gli avversari.

"E' fondamentale il pubblico per la mia squadra. Ho chiesto alla gente che viene allo stadio di tifare come matti dall'inizio alla fine. In realtà però, come già accaduto contro il Genoa, ho visto un certo atteggiamento sugli spalti che non mi è piaciuto. Non si incita la squadra solo quando vince, ma anche quando è in difficoltà. Dopo il pareggio martedì mi è sembrato di vedere il pubblico di un teatro. Non ho sentito la bolgia che volevo sentire".

Conte
ha poi continuato: "Mi rendo conto di dire delle cose di un certo peso ma derivano dal fatto che io devo fare tutto il possibile per far rendere la squadra al massimo, e quindi mi preme migliorare anche da questo punto di vista. Siamo comunque noi a dover invogliare la gente a venire allo stadio ed a fare il tifo giocando un buon calcio".

Ma cosa pensano i tifosi di questa uscita di Conte. Ha parlato il comico, sfegatato tifoso bianconero, Max Pisu: "Conte ha ragione, ma secondo me non dipende dallo scarso attaccamento. Dipende dal fatto che i tifosi della Juventus hanno paura, si sono scottati troppe volte in questi ultimi anni perchè hanno visto una squadra incapace di gestire le vittorie".