La scelta di Moratti scalda i cuori Inter: sarà un 'Nerazzurro 100%' il nuovo tecnico

Il tecnico serbo, che in passato ha vestito la maglia nerazzurra da giocatore ed è stato il secondo di Mancini, è pronto a firmare un biennale. La Fiorentina già cerca il sostituto
Calciomercato in Diretta su Goal.com - Clicca QUI
Segui Goal.com sui Social Network

Scelta di cuore e di ragione: Massimo Moratti ha deciso che il dopo Leonardo sarà Sinisa Mihajlovic, tecnico della Fiorentina che in nerazzurro ha vissuto anni importanti sia da calciatore che da membro dello staff tecnico, come secondo di Mancini.

Il rifiuto di Bielsa (ma anche i dubbi sulle stravaganti idee tattiche del guru argentino) ha spinto il presidente interista a guardarsi altrove e a valutare la candidatura dell'allenatore serbo, che sarebbe ovviamente entusiasta di sedersi sulla panchina dell'Inter, stavolta senza dover essere il vice di nessuno. L'ostacolo principale, come spiega il 'Corriere dello Sport', è il contratto che lega Sinisa alla Fiorentina (a scadenza 2012) ma l'allenatore sarebbe già a buon punto nella trattativa con i Della Valle. E Moratti è pronto a fargli firmare un biennale.

Dopo il sì di Leo al Psg (che dovrebbe arrivare già in questo weekend) Moratti ufficializzerà la sua scelta. Lo scorso anno si fidò di Marco Branca, che portò Benitez ad Appiano Gentile con i risultati che tutti conosciamo, ma stavolta ha deciso di prendersi la piena responsabilità del sostituto di Leonardo. Il nome di Mihajlovic ronzava nella testa del presidente già lo scorso anno, prima di affidarsi allo spagnolo: con il Catania il tecnico serbo aveva strapazzato la grande Inter di Mourinho, impresa riuscita a pochi, e quel 3-1 al Massimino aveva impressionato il patron nerazzurro.

Con Mihajlovic a Milano, la Fiorentina si tufferà su due nomi che nelle ultime ore erano stati accostati anche all'Inter: Delio Rossi e Gian Piero Gasperini. La presidenza, di comune accordo con Corvino, cerca un tecnico capace di insegnare calcio ai tanti giovani della rosa viola e che sappia costruire una squadra vincente e spettacolare. Rossi parte in pole, ha il carisma giusto per rivitalizzare un ambiente reduce da una stagione poco emozionante. Ma a sorpresa, con una scelta popolare, la panchina della Fiorentina potrebbe essere affidata ad un ex gloria viola, Carlos Dunga, ancora amatissimo dalla tifoseria.