Promossi&Bocciati di Bologna-Sampdoria: Miha azzecca i cambi, Di Vaio è immenso

Buona la prova di Britos, un giorno di "vacanza" per la coppia Pazzini-Cassano.
Super Marco: Semplicemente immenso. Una tripletta d'autore(la seconda in questa stagione) che lancia i suoi e permette al Bologna di portare a casa 3 punti a dir poco fondamentali; Di Vaio in terra emiliana sta  vivendo una seconda giovinezza e con 19 goal è ormai il leader indiscusso e solitario della classifica cannonieri. Fenomenale. Voto 8,5

Pazzini-Cassano: La coppia d'oro che in settimana ha demolito i due squadroni milanesi, oggi è incappata in una giornata no. Ingabbiati dalla difesa rossoblù, il tandem blucerchiato non è riuscito a lasciare il segno al Dall'Ara. Una pausa, dopo le ultime strabilianti prestazioni, è certamente legittima. Voto 5,5

I cambi di Miha: Stavolta Sinisa, a differenza dell'ultimo match all'Olimpico, ha azzeccato proprio tutti i cambi. Adailton e Amoroso, entrati nella ripresa, sono risultati fondamentali per mandare in goal, per due volte, Di Vaio. Riscattate le infelici scelte tecniche di sabato scorso Voto 7

Il centrocampo blucerchiato
: Dovevano sostituire e non far rimpiangere gli assenti Palombo e Franceschini, ma non ci sono riusciti. Partita al di sotto delle attese per Dessena e Sammarco che non sono riusciti a sfruttare la loro occasione. Sarà per un'altra volta. Voto 5

Britos: Un'altra buona prova del centrale uruguaiano, sempre in netta crescita, che oggi ha fermato niente meno che Antonio Cassano, autentico pericolo costante per la difesa rossoblù. Ormai è un punto fermo della difesa rossoblù. Voto 6,5

Incroci del cuore: Sergio Volpi ritrova la sua vecchia squadra della quale fu capitano e leader per sei anni; stessa cosa per Claudio Bellucci, ex bandiera del Bologna durante gli anni seguenti alla retrocessione. I due sono stati accolti dalla loro vecchie tifoserie in modi ben diversi (applaudito il primo, fischiato il secondo), ma resta comunque l'emozione di aver ritrovato gli ex tifosi che gli avevano tanto amati. Voto 8

Stefano Brunetti