thumbnail Ciao,

La squadra dell'ex ct azzurro esce fuori ai quarti di finale ad opera dei sauditi dell'Al Ittihad, che dopo aver vinto 4-2 all'andata, hanno contenuto i danni, perdendo solo 2-1.

Settimana difficile, questa, per il tecnico dei cinesi del Guangzhou Evergrande, Marcello Lippi. Dopo aver perso la vetta del campionato cinese, infatti, la sua squadra è uscita anche dalla Champions League asiatica, per opera dei sauditi dell'Al Ittihad, vittoriosi nei quarti di finale.

Dopo aver perso per 4-2 la partita di andata giocata a Jedda, la squadra di Raul Caneda, tecnico spagnolo segnalato da Pep Guardiola, ha contenuto i danni nel ritorno in Cina, perdendo soltanto 2-1 in una partita emozionante.

Davanti a oltre 50 mila spettatori, il Guangzhou è partito con un ritmo molto alto, cercando di mettere subito in difficoltà la squadra avversaria. Lippi si agita in panchina, e i suoi passano in vantaggio al 19' con l'ex Borussia Dortmund Lucas Barrios, che qualche minuto prima aveva colpito l'incrocio dei pali.

Sorretto dal sostegno dei suoi tifosi, la squadra di Lippi continua ad attaccare e guadagna un calcio di rigore per un fallo su Lin Gao. L'ex Fluminense Conca trasforma con freddezza e firma il 2-0 allo scadere della prima frazione di gioco.

La qualificazione sembra alla portata dei cinesi, ma nella ripresa alcune mosse di Caneda cambiano la partita. Al 78’ lo stadio ammutolisce: spizzata di testa del possente centravanti Naif Hazizi, destro e rete del 2-1 di Fahd Al Mullawad, entrato al posto del polemico Noor.

Lippi ha già tolto da pochi minuti un esausto Lucas Barrios, la sua migliore arma offensiva. L'assalto finale dei suoi produce solo qualche palla-goal, ma il risultato non cambia più. Finisce 2-1, risultato che premia gli ospiti, e l'ex ct azzurro è già nel mirino della critica locale.

Sullo stesso argomento