thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - I rossoneri non ritengono il giovane portiere pronto per essere titolare in rossonero. Abbiati dovrebbe restare, valigie pronte per Amelia.

La questione portieri rimane una delle discussioni primarie all'interno della società Milan, dove Adriano Galliani riesce nonostante tutto a mantenere il primato su tutto ciò che riguarda l'area tecnica della prima squadra.

Si tratta di una questione in assoluto, la quale trascende anche la scelta definitiva sul nome del prossimo eventuale allenatore (con Allegri, come qui anticipato, davvero in fitto dialogo con la Roma): fu Galliani a volere fortemente l'accordo preventivo con il Genoa per Mattia Perin, con l'idea di trasportarlo a Milanello nove mesi dopo, cioè nel prossimo luglio, dando al giovane numero uno toscano in mano i pali rossoneri per i futuri dieci anni.

Qualcosa però sta mutando. La progettualità milanista su Perin è in forte discussione, condizionata evidentemente sia dal rendimento in altalena dell'estremo difensore a Pescara sia dal grande rientro in zona Champions, competizione che nel caso non ammetterà protagonisti troppo acerbi.

Allora ecco che Galliani si è già premurato di anticipare a Preziosi il proprio desiderio: far rientrare a Genova Perin, con i rossoblù che prima devono centrare la salvezza, e dargli un anno ancora in Serie A prima del trasferimento alla corte del Diavolo.

L'asse tra i due dirigenti resta saldo ed è quindi probabile che la soluzione verrà percorsa senza troppe problematiche (lo stesso Perin non disdegna questa eventualità piuttosto che "bruciarsi" come successe per esempio in passato ad Angelo Pagotto, anche lui titolare della Under 21 dell'epoca).

Il nodo, piuttosto, sarà la posizione di Sebastian Frey, il quale però vanta diversi interessamenti dall'estero, soprattutto in Inghilterra e Ucraina: il portiere francese preferirebbe però rimanere in Italia e se magari il Bologna dovesse ritrovare stabilità societaria un contratto (che è anche un vecchio contatto) con i felsinei potrebbe anche essere alle porte.

Per quanto riguarda invece gli attuali portieri in rossonero, ad Abbiati verrà proposto di rimanere a prescindere dalla titolarità nel ruolo (Stekelenburg resta una candidatura forte a patto che il prezzo della Roma non salga), mentre Marco Amelia è destinato a fare le valigie accettando anche un contratto meno robusto ma prolungato nel tempo da parte di un club di centro classifica.

Sullo stesso argomento