thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - L'avventura tra Marco Branca e l'Inter potrebbe essere vicina alla conclusione: l'Inter segue con attenzione Pietro Lo Monaco e Pierpaolo Marino.

Il progetto Stramaccioni resiste in casa Inter , forte soprattutto del fatto che il presidente Moratti resta strenuo difensore, anche internamente al club, del giovane tecnico romano. Certo, molto ancora è da venire per andare a consuntivo della stagione e, si sa, il patron è anche uno di quelli che può cambiare idea in fretta dopo aver soltanto accarezzato l'idea di poter trattare Diego Pablo Simeone.

Chi invece non gode di grosse certezze, anzi può ritenersi in bilico, è il direttore dell'area tecnica Marco Branca, in società da 11 anni dove ottenne l'attuale carica dopo appena una stagione da responsabile degli osservatori. Sarebbe quindi vicino il capolinea per uno degli uomini del Triplete, soggetto ritenuto fidato da Moratti, ma ormai in discussione dopo tutti i rivolgimenti del dopo-Mourinho, gestiti forse senza grossa linearità dall'ex attaccante originario di Grosseto.

E, contro di lui, anche tanti nemici interni, a quel che si dice. Insomma, un pensierino su eventuali candidature di nomi ai quali affidare la direzione sportiva Moratti lo sta facendo. Sente probabilmente che è venuta l'ora di compiere anche in quella posizione il passo che porti a una reale ristrutturazione societaria con seguente boccata d'aria fresca che vada dietro alla scelta di Stramaccioni per la panchina.

E i nomi ci sono già, stando ai gusti e alle preferenze del presidente, al solito consigliato anche da Tronchetti Provera e l'emergente Piero Ausilio, quest'ultimo destinato a rimanere prevalentemente sull'area burocratico-legale: piacciono infatti sia Pietro Lo Monaco che Pierpaolo Marino. Il primo è libero da vincoli, ha un forte senso pratico e sa come gestire un ambiente con il pugno duro; il secondo è più malleabile, conosce calciatori di mezzo mondo e detiene splendidi rapporti con tutti i colleghi in tutti i club italiani.

Due profili non opposti, ma certamente diversi, entrambi secondo radiomercato contattati conto terzi per un primo sondaggio. Favorito? Forse Lo Monaco, figura che affascina l'ambiente e che permetterebbe di proseguire sulla linea di una società snella come quantità di figure operative sia sulla squadra che sul mercato.

Sullo stesso argomento