thumbnail Ciao,

In Corso Galileo Ferraris per il momento prendono tempo, consci del fatto di avere da tempo il gradimento del giocatore trevigiano: il discorso verrà chiuso nel breve termine.

La Juventus ha messo le mani su Andrea Poli. Da un’idea nata la scorsa estate, e supportata nel corso del mercato invernale da poco concluso, la Vecchia Signora si appresta ad assicurarsi l’ennesimo centrocampista di spessore a cui affidare il proprio futuro.

Il regista veneto passerà in bianconero con la formula della compartecipazione e, nell’operazione, verranno inseriti due giovani, ancora da definire, ma già individuati sulla tratta Torino-Genova. Il direttore sportivo juventino, Fabio Paratici, nel colloquio affrontato a Milano il 31 gennaio con il suo dirimpettaio doriano, Carlo Osti, ha difatti definito l’operazione che porterà l’ex calciatore, tra le altre società, dell’Inter, in riva al Po.

Alla Sampdoria verrà versata una cifra vicina ai 3 milioni di euro con, come riportavamo sopra, l’inclusione nella trattativa di due elementi attualmente di marca zebrata. I liguri, che anche nell’ultimo giorno della compravendita di riparazione hanno provato a chiedere senza successo il prestito di Luca Marrone, sarebbero propensi ad accogliere il difensore Joel Untersee (’94) e il mediano Yussif Raman Chibsah (’93).

In Corso Galileo Ferraris per il momento prendono tempo, consci del fatto di avere da tempo il gradimento del giocatore trevigiano, ma intendono chiudere il discorso nel breve termine per cercare di evitare spiacevoli inserimenti della ultim’ora.

Inoltre, per quanto concerne il ghanese, bisogna considerare che è già suddiviso al 50 per cento con il Parma, e la cessione della metà juventina comporterebbe al definitivo addio a colui che attualmente sta vestendo la casacca della capolista Sassuolo in serie B.

Proprio a testimonianza dell’ormai prossimo acquisto sabaudo, esiste un recente retroscena che ha visto protagonista il Milan e, nello specifico, il ds rossonero Ariedo Braida. Il manager friulano negli ultimi giorni di gennaio ha tentato di soffiare Poli a Marotta e soci, offrendo alla Sampdoria un prestito oneroso di 500 mila euro con diritto di riscatto,da esercitare a giugno, stanziato in 5.5 milioni.

Proposta rispedita subito al mittente in quanto i blucerchiati avevano promesso da tempo alla Vecchia Signora il proprio, e ancora per poco, gioiellino. Una volta messe le mani sull’elemento cresciuto nelle giovanili di Treviso, bisognerà capire quali mosse vorrà esercitare la società piemontese.

Considerando, infatti, l’affollamento che caratterizza l’attuale parco centrocampisti a disposizione di Antonio Conte, per l’ex interista trovare spazio non sarebbe certamente semplice. D’altra parte, vedi l’innesto di Paul Pogba, a Torino la lungimiranza regna sovrana. Andrea Pirlo, che si avvia verso le 34 primavere, non è più un ragazzino e, per forza di cose, bisogna iniziare a setacciare il mercato per cercare di scovare un suo possibile sostituto.

Poli, con i suoi 23 anni, è il profilo che corrisponde all’identikit tracciato dalla stanza dei bottoni juventina. Intendiamoci, al momento non vale il bresciano, essendo munito anche di caratteristiche diverse, e non è detto che riuscirà nell’impresa di emulare la carriera del genio lombardo, ma nella sua totalità ha convinto gli addetti ai lavori bianconeri. E ciò significa pressoché tutto. Almeno per Conte.

Sullo stesso argomento