thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Juventus presenterà un'ultima offerta per avere già a gennaio Fernando Llorente, in rotta con l'Athletic Bilbao: i bianconeri offrono ai baschi 7 milioni di euro.

Comprare una punta di assoluto spessore, soprattutto negli ultimi anni, per la Juventus è diventata una vera e propria chimera. Basti pensare, infatti, agli ultimi insuccessi, sotto il profilo delle strategie di mercato, targati Jovetic e Berbatov.

Tuttavia, in virtù del poter ancora competere in tutte le competizioni, Madama si trova quasi costretta a inserire nel proprio reparto offensivo un nuovo elemento. Considerando, inoltre, anche l'infortunio recente rimediato da Nicklas Bendtner, che lo terrà lontano dai campi di gioco almeno fino agli inizi di marzo, l'innesto diventa pressoché obbligatorio.

Ora, al di là delle semplici suggestioni (Drogba), e delle operazioni complesse da imbastire nell'immediato (Llorente), la Juventus ha iniziato a valutare percorsi alternativi.

Uno di questi, in attesa dei prossimi investimenti estivi, potrebbe essere quello di riportare alla base un calciatore già made in Juventus. In tal senso, quello che stuzzica maggiormente la compagine juventina, è Manolo Gabbiadini attualmente in prestito al Bologna. L'ex orobico, infatti, piace molto ad Antonio Conte e al suo staff. Tuttavia, soprattutto in questo caso, i dubbi sono molteplici. L'attaccante lombardo nelle ultime uscite ha incominciato a far intravedere il suo potenziale e, la Vecchia Signora, vorrebbe continuare ad alimentare questo processo di crescita. Quindi, strapparlo dalle mani emiliane, potrebbe rivelarsi un grandissimo rischio. Sia per la società sabauda e sia per il diretto interessato.

La tenacia, però, vige in Corso Galileo Ferraris. Il direttore generale zebrato, Beppe Marotta, assieme al suo braccio destro, Fabio Paratici, stanno studiando l'ennesimo nuovo approccio con l'Athletic Bilbao per tentare di portare Llorente fin da subito nel capoluogo piemontese. La prima proposta invernale formulata dai Campioni d'Italia in carica è stata rispedita al mittente (4 milioni  di euro, ndr). Nelle prossime ore, dal canto loro, i bianconeri tenteranno di ingolosire i baschi con un'offerta di 7 milioni.

Qualora anche questa offensiva non dovesse andare a buon fine - molto probabilmente - il discorso per quanto concerne "il presente" giungerebbe al proprio capolinea. In parole povere: Marotta e soci sono convinti di poter ingaggiare il bomber basco a parametro zero per la prossima stagione e, in virtù di questo aspetto, dal mese di febbraio potranno far sfociare il tutto in un pre-accordo (il passo dopo l'intesa verbale).

Follie economiche non saranno di casa nella compravendita di riparazione juventina. La stanza dei bottoni bianconera punta fortemente sulla possibilità, attraverso lo sfinimento, di anticipare lo sbarco in Italia del Re Leone. Per il momento i biancorossi continuano a fare resistenza; ma la Juventus non ha ancora perso le speranze.

Sullo stesso argomento