thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Gay de Liebana, esperto di economica e professore universitario iberico, lancia l'allarme: "Brutale la ripartizione dei diritti tra i club della Liga".

Real Madrid e Barcellona giocano in un campionato "destinato a morire". L'allarme viene da Jose Maria Gay de Liebana, esperto di economica e professore universitario iberico che a Goal.com Spagna ha parlato del Clasico ai tempi della crisi economica, realtà ormai tangibile anche da quelle parti.

Le Merengues hanno vinto l'ultimo campionato dopo tre anni di dominio catalano, ma bisogna andare indietro fino al 2004 per trovare un trionfo che non arrivi dalle due eterne rivali, quello del Valencia. Uno scenario che secondo Gay de Liebana non cambierà in tempi brevi.

"In Spagna la prima e la seconda della classifica finiscono 40 punti sopra la terza classificata. Per come la vedo io, Real Madrid e Barcellona stanno giocando in un campionato destinato a morire, che perderà ogni forma di interesse".

In riferimento allo squilibrio nella ripartizione dei diritti televisivi, che vede Madrid e Barcellona negoziare i propri ricchissimi accordi a scapito delle altre formazioni, ha aggiunto: "E' uno squilibrio brutale, prendono il 50% dei proventi disponibili".

Gay de Liebana, che recenetemente si è occupato di uno studio sul momento economico della Liga, dopo aver lavorato come consulente all'Espanyol, vede pro e contro nella presenza di Real e Barcellona ella Liga.

"Avere due club del genere nel campinoato aiuta la Liga ad ottenere accordi vantaggiosi a livello internazionale, ma crea un bipolarismo che si ritorce contro tutte le altre squadre, che restano nell'ombra".

"Per me Real Madrid e Barcellona stanno giocando in un campionato destinato a morire e perdere interesse. Lo squilibrio nella ripartizione dei diritti tv è brutale, il 50% va alle due big"


- Jose Maria Gay de Liebana

"Sappiamo in partenza che Barcellona o Real Madrid vinceranno il campionato, che il prossimo anno sarà vinto ancora da loro, quello successivo ancora... e così via. Le ambizioni e le aspirazioni degli altri club sono totalmente frustrate, così si uccide la competizione".

Il Barcellona ospiterà il Real Madrid domenica sera al Camp Nou (in diretta su Goal.com dalle 19.50), Gay de Liebana sottolinea come sia marcata la differenza strategica tra i due club.

"Il Madrid ha una struttura molto costosa perchè puntano tutto sugli acquisti, non sul settore giovanile. E finchè ci continuano a guadagnare, può funzionare. Ma è rischioso: se il Real non vince la Champions, qualunque cosa accada nella Liga, il progetto soffre".

"Per quanto riguarda il Barcellona, sono stato molto critico nelle ultime due stagioni perchè non capivo come potesse essere possibile chiudere in perdita, ma negli ultimi tempi c'è stato un miglioramento nel bilancio del Blaugrana".

Il problema dei debiti, però, resta vivo. Ed è l'intero campionato a soffrirne: "I club della Liga hanno un debito comune di 3.5 miliardi di euro e non saranno mai in grado di colmarlo". Un quadro disperato.

Sullo stesso argomento