thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Gli ultimi incontri tra l'agente del portierone e la dirigenza bianconera hanno dato i frutti sperati. Il numero uno percepirà circa 4.5 milioni annui.

Certi amori non finiscono proprio mai. E’ questo il destino di Gianluigi Buffon con la propria amata, la Juventus, club in cui è approdato nell’estate del 2003, togliendosi la soddisfazione di vincere campionati e svariati trofei.
 
Nell’arco del suo rapporto con Madama, storia alla mano, molteplici volte l’estremo difensore di Carrara ha sfiorato l’addio. Ma mai ha compiuto quel passo. Conseguendo (compresa l’attuale) ben dodici stagioni con la prestigiosa casacca juventina.

Sì, lui le ha viste proprio tutte nel capoluogo piemontese: dall’immensa gioia di festeggiare uno scudetto, alla rabbia per la perdita in finale di una Champions League, all’aver seguito perfino nella serie cadetta il club che l’ha reso celebre nell’intero mondo calcistico (e non solo).
 
E non è finita qui. Il portierone toscano, infatti, presto siglerà il nuovo accordo che lo legherà ai colori bianconeri fino al 30 giugno 2016. Una scelta fortemente voluta dal presidente zebrato, Andrea Agnelli, il quale nutre grande stima e riconoscenza nei confronti di un giocatore che tanto ha fornito alla causa torinese.

L’intesa in linea di massima è stato già trovata. Nelle scorse settimane il procuratore di SuperGigi, Silvano Martina, si è recato nella sede dei campioni d’Italia per impostare l’intero discorso. Ebbene, secondo quanto raccolto da Goal.com Italia, il colloquio sarebbe andato oltre ogni più rosea aspettativa.

La Juventus s’è resa fin da subito disponibile ad allungare la durata del contratto. Mentre l’ex giocatore del Parma, dal canto suo, ha accettato di spalmare l’ingaggio e, di conseguenza, nelle stagioni venture percepirà una cifra vicina ai 4.5 milioni annui (più bonus e premi).
 
In questa vicenda, tuttavia, ci sono anche dei personaggi “scontenti”. Uno di questi senza dubbio è l’allenatore del Monaco: Claudio Ranieri. Il tecnico romano, tramite i suoi dirigenti, ha provato a sondare la disponibilità di Buffon a sposare il progetto dei biancorossi di Francia e, nonostante i monegaschi siano muniti di una buona disponibilità economica, la missione non è andata a buon fine.

Il numero uno della Nazionale italiana non vuole minimamente lasciare l’Italia, nel Belpaese ha molteplici interessi (vedi la Carrarese), e a Torino lui e la sua famiglia vivono in maniera ottimale. Proprio per questo motivo le telefonate di Giorgio Pellizzaro, preparatore dei portieri dell’attuale capolista della Ligue 2,  collaboratore di Ranieri alla Juventus dal 2007 al 2009, non hanno stuzzicato minimamente la fantasia di Gigi.
 
Il carrarino continuerà a indossare per lungo tempo la fascia da capitano della Vecchia Signora, mentre i tifosi juventini con lui potranno proseguire i propri sonni tranquilli. Per la serie: “La storia infinita”.

Sullo stesso argomento