thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il giovane talento del Sassuolo, Domenico Berardi, è al centro di una vera ressa di mercato: tante big lo vorrebbero, dalla Juventus al Man Utd, dal Napoli al Dortmund.

Adesso è sulla bocca di tutti, più per lo svelato interesse del Manchester United che per le reali sorprendenti prestazioni sul campo. Il caso Domenico Berardi non esula dalle moderne regole mediatiche, e questo non fa che rendere massiccia la pressione sull'attaccante classe 1994, ultima grande scoperta del Sassuolo, che conferma di non aver paura a lanciare giovani di produzione propria.

E in effetti, di caso si tratta, perché gli emissari di Sir Alex Ferguson sono soltanto una delle tante sfaccettature che si stanno riproducendo intorno alla punta calabrese, nata a Cariati Marina in provincia di Cosenza, a suo tempo scartata dall'Inter dopo una serie di provini.

La lista delle pretendenti è realmente lunga ed è impossibile fare pronostici. Anche perché lo United non ha ancora impostato alcuna trattativa e i nomi delle "avversarie" sono di tutto rispetto. Il direttore sportivo del Sassuolo, Bonato, fa pre-tattica: ne dice qualcuna, ne nasconde altre.

Ecco allora il quadro fotografato a oggi, metà settembre, con cifre e dinamiche italiane e internazionali: dall'estero, oltre ai Red Devils, si è fatto avanti il Borussia Dortmund che ha già inoltrato un'offerta ufficiale pari a 7 milioni di euro, incredibilmente rifiutata dagli emiliani. Va ricordato che Berardi ha rinnovato di recente il proprio contratto con il Sassuolo fino al 2015 e quindi il club sente di avere il coltello dalla parte del manico.

Ma è dall'Italia che si muovono i carichi pesanti e che le notizie si fanno ancora più fresche. Primo tra tutte il Napoli, il quale ha già offerto un accordo di attiva collaborazione al Sassuolo offrendo conseguentemente 5 milioni cash per Berardi. Insomma, una mano tesa da parte dei partenopei, che possono così aiutare il Sassuolo in altre trattative e lavorando congiuntamente sui giovani Primavera delle due società.

Il dialogo è in evoluzione. Se non fosse che la Juventus vanta ogni tipo di prelazione grazie al passato di Fabio Paratici, che lasciò Sassuolo soltanto per congiungersi a Marotta che lo chiamò a Genova.

Ma soprattutto non fosse che il Chievo (evidentemente spalleggiato dal Milan) è la vera squadra in pole-position per il bomberino Berardi: 9 milioni, pagabili in due soluzioni annuali, con operazione da anticiparsi a gennaio. Così Andreolli potrebbe vestire rossonero e ritrovare Acerbi, Berardi testare 5 mesi di Serie A e prepararsi per i colori rossoneri.

Sullo stesso argomento