thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il difensore rosanero, dopo le voci di mercato transalpine, si concentra sul presente siciliano. Ma il futuro è già scritto: "Voglio tornare al Rosario Central".

Il suo ritorno in Francia pareva cosa fatta, ma alla fine Mauro Cetto è rimasto in Serie A, a Palermo. Da undici anni in Europa, l'argentino ha lasciato la terra natia per volare nel vecchio Continente e confrontarsi con il calcio transalpino. In Italia dal 2010/2011 ha oramai capito il calcio nostrano, come affermato in esclusiva a Goal.com

Qual è il calcio più difficile? "Non lo so, sono semplicemente due mentalità diverse. Nella Ligue 1 c'è più potenza e velocità, in Serie A si predilige la tattica. Ovviamente bisogna adattarsi, qua gli attaccanti più lenti ti possono mettere comunque in difficoltà".

Speri ancora in una convocazione in Nazionale? "Qua c'è più visibilità e maggiori possibilità di essere notati dal ct,. Ma l'unica cosa a cui penso è fare bene con il Palermo e vincere, poi le altre cose verranno di conseguenza. Magari si apriranno delle porte... Del resto è capitato anche a Campagnaro".

Speri di tornare al tuo ex Rosario Central? "Certo, è un mio desiderio. Ho giocato quindici gare con la prima squadra, è la città dove sono nato. Lì venivo posizionato non nel mio attuale ruolo, ecco perchè voglio tornarci e dimostrare quando valgo ora".

Sullo stesso argomento