thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il Milan ha posato gli occhi su Davy Klasseen, 19enne centrocampista olandese dell'Ajax, valutato dai lancieri già 7 milioni di euro.

Il Milan si proietta nel futuro (opera già iniziata) guardando anche un po' alle esperienze del passato. Non è quindi un caso che per la panchina, in ottica futuristica, si faccia il nome di Pippo Inzaghi. Non tanto in quanto vecchia-gloria, piuttosto come uomo-nuovo su cuii puntare a prescindere dal grado di esperienza (vedi Arrigo Sacchi all'epoca zero panchine in Serie A o Fabio Capello dai settori giovanili).

Allora c'è poco da stupirsi se anche sul fronte calicatori i rossoneri sono tornati a guardare in Olanda, e il discorso va ben oltre un mediano navigato quale Nigel De Jong. La notizia è infatti quella relativa all'interessamento dei vertici di via Turati per la stellina dell'Ajax Davy Klaassen, giocatore tipicamente all'olandese vecchia maniera, più vicino ai Bergkamp e agli Sneijder che ai Gullit e ai Rijkaard.

Già solo perché si tratta del prodotto 100% orange, biondino, pelle chiara, classe cristallina. Ebbene, il Milan si sarebbe innamorato di questo prospetto poliedrico, capace di giostrare in trequarti, agire da punta d'appoggio, ma anche manovrare nel cerchio di centrocampo sostenendo le coperture e aiutando quindi la cucitura del gioco.

Insomma, il Milan si sarebbe innamorato di Klaassen, nato il 21 febbraio del 1993, 8 presenze e 1 rete all'esordio in casa del NEC (controllo in corsa di sinistro e conclusione incrociata con il destro), certamente più talentuoso del connazionale e coetaneo Ouasim Bouy passato alla Juventus nel gennaio scorso.

Darne una valutazione oggi può essere un grosso problema, ma è chiaro che i lancieri non lasceranno partire il ragazzo per meno di 7 milioni di euro: una cifra tutto sommato abbordabile anche in tempi di restrizioni, certamente un investimento che Galliani valuterà a fondo appoggiandosi ai soliti sapienti intermediari (non solo Mino Raiola) che sanno come si fa a portare un campioncino a Milanello. La storia insegna...

Sullo stesso argomento