thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Le due società potrebbero anche decidere di scambiarsi il centrocampista e l'attaccante colombiano, che non è nelle grazie di Guidolin.

Tutto è nato dall'idea di Pozzo junior nel cercare di portare un suo vecchio pallino, Nicola Pozzi, all'Udinese. I friulani cercano infatti da tempo una prima punta consolidata nel campionato italiano e l'ex Empoli risiede da tempo nelle zone alte della lista friulana. Poi, di fronte alla Sampdoria che tergiversa, ecco che la pazza proposta arriva a parti inverse: sul piatto anche Andrea Poli in compartecipazione, più ovviamente Pozzi, per arrivare alla metà del cartellino di Muriel che non è propriamente nelle grazie di Francesco Guidolin. Ovviamente, il colombiano subito a Genova. Con massima soddisfazione di Ciro Ferrara.

Si tratta di uno scenario complesso, discusso però nelle ore notturne tra il penultimo e l'ultimo giorno di mercato, ovvero quando i tempi tecnici per mettere intorno a un tavolo tre procuratori, tre giocatori e due intere dirigenze sono davvero minimi. I margini ci sarebbero pure se e vero che i due club sono entrambi allettati. Non sarebbe tra l'altro un problema la Juventus, interessata ancora a Poli, la quale vedrebbe di buon occhio (visti i rapporti fluidi) l'approdo del centrocampista a Udine: un test in più, un banco di prova in più, visto che l'ex Inter resta tra i pensieri di Marotta in ottica del prossimo anno.

Saranno le ultimissime ore a decretare l'esito della trattativa, che al momento non ha più del 20& di possibilità di andare in porto. Ma sia per Udinese che Sampdoria vale il discorso relativo al parco attaccanti: più per necessità i friulani, più per evitare rincorse a gennaio i genovesi. Anche perché in casa blucerchiata comanda un certo Pasquale Sensibile che alla sua prima esperienza da direttore in Serie A ha bucato l'obiettivo salvezza con il Novara delle meraviglie proprio perché finito nell'imbuto di un'interminabile girandola di attaccanti che ha acuito il problema del gol. Cosa che nel calcio dei 3 punti quasi nessuno si può più permettere.

Sullo stesso argomento