thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il Milan continua a sognare Kakà, attende buone nuove da Madrid anche per Diarra e intanto pensa a Royston Drenthe, attualmente svincolato.

A 10 giorni dalla fine del mercato è tempo di supersaldi per il Milan. Dopo lo scambio tra Cassano e Pazzini, attraverso cui il club rossonero si porta a casa la tanto agognata prima punta, Adriano Galliani deve ripensare alla fantasia.

Restano piuttosto incomprensibili i 7 milioni di euro di conguaglio ceduti all'Inter, considerando soprattutto che Fantantonio è stato il trascinatore della Nazionale fino alla finale degli Europei contro la Spagna, mentre il Pazzo nemmeno è stato convocato. In ogni caso pare che a pesare siano i due anni di differenza. Senza Cassano comunque il Milan deve cercare un giocatore che faccia da tramite tra il centrocampo e l'attacco e che possa dare un po' di estro alla squadra. L'identikit sembra disegnato a pennello: l'uomo giusto è Ricardo Kakà.

E saranno proprio questi ultimi giorni di mercato a svelare il mistero riguardo al possibile ritorno del brasiliano. Il 22 è ancora in serbo e i sogni rossoneri si concentrano solo sul bimbo d'oro che potrebbe riportare anche un po' di buonumore in un ambiente decisamente destabilizzato dalle illustri cessioni. La situazione è la seguente: Galliani deve convincere Perez a cedere il giocatore con un prestito gratuito, mentre Kakà ha il dovere di ridursi l'ingaggio in maniera sostanziale.

Il secondo aspetto sembra una formalità, mentre è più dura scavalcare il muro madridista, anche se questi giorni non potranno che agevolare le trattative rossonere, soprattutto se i Blancos si ritroveranno sul groppone e, soprattutto, in panchina un giocatore da 10 milioni di euro a stagione. In supersaldo potrebbe arrivare anche il centrocampista centrale che dovrebbe sostituire Van Bommel.

Sempre da Madrid si attende solo l'ufficialità dell'arrivo di Modric e, a quel punto, Mourinho avrebbe sicuramente una mediana rilevante ma ingombrante, tanto che qualcuno potrebbe partire. L'obiettivo di Galliani resta Lassana Diarra che arriverebbe a dare sostanza e qualità davanti alla difesa.

A proposito di retroguardia. Non è ancora stato svelato l'arcano Mexes, ma anche in questo caso pare che a vincere siano i mugugni. Il francese potrebbe dunque rappresentare una pedina di scambio importante, soprattutto se si considera che il difensore ex Roma pare abbastanza richiesto in Premier League, nello specifico da Wenger all'Arsenal.

Niklas Bendtner però, dopo l'arrivo di Pazzini, non dovrebbe più interessante al club di via Turati che potrebbe invece chiedere una contropartita economica che creerebbe di conseguenza una plusvalenza importante, visto che Mexes arrivò a parametro zero dalla Roma.

Con la partenza anche di Mesbah, il vero problema resta quello che terzino sinistro. Al momento l'unico di ruolo è Antonini, con Didac Vilà fermo ai box per infortunio. Troppo poco per affrontare campionato, Champions League e coppa Italia. Attualmente, considerando le idee di low cost rossonere, l'unico obiettivo potrebbe essere Drenthe, svincolato e a spasso. L'olandese, classe '87, ha dalla sua l'esperienza giusta per affrontare ancora una stagione ad alti livelli.

Di sicuro tutto, o quasi, accadrà nelle ultime ore del 31 agosto. Esattamente come l'anno scorso. E Galliani spera in un colpo alla Nocerino, anche se alla luce degli ultimi risultati, forse ora al Milan potrebbe non bastare.

Sullo stesso argomento