thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il centrocampista brasiliano ha parlato a Goal.com dei suoi due anni laziali: "Posso rendere di più, l'anno scorso mi ha fermato solo l'infortunio".

Tante voci, nessuna verità. Hernanes sta bene alla Lazio e ha intenzione di vestire la maglia biancoceleste fino ai Mondiali 2014. Anzi, come affermato dal brasiliano ex San Paolo in esclusiva a Goal.com, proprio grazie alla formazione capitolina conta di essere convocato dal Brasile per i prossimi campioanti del Mondo.

Che valutazione si può fare di queste due stagioni alla Lazio? "Sono arrivato in un paese diverso, in una squadra diversa, ha dovuto giocare in una posizione diversa da quella a cui era abituato, ma sono riuscito a fare bene. Nel primo anno ho fatto meglio, ma la scorsa stagione, se non fosse per il mio infortunio, avrei fatto di più. Saldo positivo, maposso ancora migliorare e rendere di più".

Tanti club su di te, qual è il tuo futuro? "Io e la mia famiglia stiamo bene qui alla Lazio. Da quando sono arrivato qui ho due obiettivi: migliorarmi ogni anno ed essere con la squadra brasiliana alla Coppa del Mondo 2014".

Dove può arrivare la Lazio? "E 'difficile da dire. Ad esempio, la scorsa stagione abbiamo avuto molti problemi con gli infortuni. Quest'anno sarà ancora più difficile, in tante si sono rafforzate. E 'difficile dire fino a che punto possiamo arrivare, ma il nostro obiettivo è quello di giocare al top".

Come ti trovi con Petkovic? "Molto bene. Mi ha provato in varie posizioni. Quando comincerà il campionato, con la concorrenza, potrò farmi una vera idea si dove vorrà schierarmi veramente".

Ederson, tu, Zarate e Klose insieme o la squadra sarebbe troppo offensiva? "Questa è una domanda difficile (ride). Abbiamo tanti giocatori. Il mio obiettivo è quello di allenarmi sempre al massimo. Per quanto riguarda la squadra, lascio Petkovic a decidere".

Cosa ne pensi di Miro Klose? "E' un grandissimo calciatore, un bomber e anche un amico. Sono contenti di giocare con un ragazzo così intelligente, E' molto forte sa fare goal ma allo stesso tempo viene indietro a dare una mano in difesa".

Qual è la differenza principale fra il calcio in Brasile e quello in Italia? "In Italia non è facile giocare perchè appena prendi palla sei subito pressato. Gli avversari ti spingono e ti mettono subito sotto pressione. Qui si pensa prima a difendere e poi ad attaccare in Brasile invece è l'opposto"

Sullo stesso argomento