thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Juventus e l'Inter continuano a lavorare ad uno scambio tra i due attaccanti. Da escludere, invece, l'ipotesi di un passaggio di Caceres in nerazzurro.

La Juventus, tra le varie piste che sta monitorando, continua a osservare con insistenza il discorso di Giampaolo Pazzini. L’attaccante toscano vorrebbe lasciare l’Inter per trasferirsi alla corte della Vecchia Signora e, il direttore generale juventino, Beppe Marotta, assieme al suo fido collaboratore, Fabio Paratici, sarebbero lieti di riabbracciare il Pazzo dopo l’ottima esperienza conseguita comunemente in quel di Genova sponda blucerchiata.

L’ex centravanti, tra le altre, della Fiorentina, non vede l’ora di lasciare l’Inter, ormai ritiene concluso il suo legame affettivo con la società di Massimo Moratti, e attende solamente la cessione per poter dimostrare le sue qualità altrove. La Vecchia Signora, dal canto suo, ritiene che questa sia la classica occasione di mercato da cogliere, ma a determinate condizioni. La prima, ossia quella principale, riguarda il prezzo.

In Corso Galileo Ferraris non vogliono effettuare investimenti monetari immediati sul toscano e, infatti, punterebbero a chiudere quest’operazione o con la formulata del prestito con diritto di riscatto, oppure inserendo nel discorso una contropartita tecnica: Fabio Quagliarella.

L’uomo nativo di Castellammare di Stabia, secondo quanto appreso da Goal.com Italia, sta valutando attentamente la situazione. La dirigenza juventina, con l’ausilio dell’autorevole parere dello staff tecnico, ha deciso di non inserirlo nella lista degli incedibili e, un’ipotetica esperienza nella Milano-nerazzura, non dispiacerebbe a Eta Beta.

D’altra parte, quest’ipotetico scambio, è ancora in una fase embrionale. L’Inter avrebbe voluto cedere Pazzini all’estero (vedi il concreto interesse dei tedeschi del Wolfsburg), ma il giocatore non ha nessuna intenzione di salutare il Belpaese e, come dicevamo, spera vivamente di poter sposare il progetto zebrato.

Intendiamoci, l’operazione non è in fase di conclusione, ma la sensazione è che questo affare nei prossimi giorni possa subire un’evoluzione. In quanto tutte le componenti chiamate in causa vogliono chiudere le loro rispettive posizioni a stretto giro di posta.  Sull’asse Torino-Milano i primi contatti sono stati avviati, stanno studiando questo scambio e si risentiranno a breve per capire la reale fattibilità dell’operazione.

I meneghini, tuttavia, non hanno nessuna intenzione di cedere il proprio tesserato a titolo temporaneo a una diretta concorrente e, quindi, la chiave per sbloccare la situazione è una sola: scambio a titolo definitivo.

Da smentire categoricamente, invece, un possibile scambio tra Pazzini e Caceres. L’uruguaiano viene considerato un elemento fondamentale per le sorti della nuova stagione juventina e, proprio per questo motivo, è da escludere perentoriamente quest’ennesima ipotesi di mercato.

Pazzini vuole la Juventus e Quagliarella non disdegnerebbe l’approdo nel capoluogo lombardo. Questa è la base di partenza per poter cercare di sviluppare il tutto, adesso toccherà alle due società trovare un accordo. Anche se i recenti (non affari) targati Giovinco, Ranocchia e Lucio, dimostrano come i rapporti tra ambedue i club siano tutto fuorché idilliaci. Ma ogni tanto, nelle compravendite, la logica regna sovrana.  

Sullo stesso argomento