thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - I bianconeri restano in attesa di proposte concrete per i due: sul primo è forte il Milan, per Quaglia si aspettano movimenti più decisi dell'Inter.

Alessandro Matri e Fabio Quagliarella. Le mosse future per quanto concerne il completamento del reparto offensivo della Juventus – inevitabilmente – passeranno dal futuro e dell’attaccante lombardo e di quello campano. Entrambi, di fatto, sono sul mercato, o meglio, ambedue non sono da considerare incedibili, in quanto la Vecchia Signora punta a ridisegnare la zona offensiva targata 2012/2013.

Prima cedere e successivamente acquistare. Una regola del mercato, una strategia su cui stanno lavorando il d.g. juventino, Beppe Marotta e il d.s., Fabio Paratici.

Sull’ex attaccante del Cagliari è ormai noto l’interessamento del Milan. La società rossonera, nello specifico nella persona dell’ad Adriano Galliani, ha chiesto ufficialmente informazioni al club di Corso Galileo Ferraris.

Tuttavia, la risposta è stata  molto semplice: 15 milioni di euro, nessun prestito. Per cui, per farla breve, se davvero i meneghini vorranno mettere le mani sul Mitra, lo dovranno fare concretamente e senza tentennamenti, altrimenti il tutto verrà catalogato nei numerosi chiacchiericci di mercato.

Anche lo Zenit di San Pietroburgo di Luciano Spalletti ha provato a sondare la disponibilità del ragazzo di Sant’Angelo Lodigiano, ma quest’ipotesi non sembrerebbe soddisfare la punta classe 1984, il quale, come ormai noto, prenderebbe in considerazione l’opportunità di salutare il capoluogo piemontese solamente per un club di pari livello e che militi nel Belapese, quindi, in poche parole: il Milan.

Discorso analogo per Eta Beta. L’attaccante nativo di Castellammare di Stabia ha un unico desiderio: restare in riva al Po. Vuole riscattarsi dall’ultima stagione certamente non esaltante e, soprattutto, ritiene di potersi giocare delle carte importanti sotto la guida di Antonio Conte. Per lui, in questa compravendita estiva, si era prospettata l’ipotesi della Fiorentina, ma quest’opzione è morta sul nascere.

Inoltre, Quagliarella, nelle ultime settimane è stato accostato all’Inter. Secondo quanto raccolto da Goal.com Italia, infatti, questa suggestione non è da escludere perentoriamente. I nerazzurri stimano molto l’ex attaccante del Napoli, ma in questo momento non hanno mostrato un vero e proprio interesse.

Ciononostante la Vecchia Signora sarebbe propensa a studiare uno scambio tra il suo tesserato e Giampaolo Pazzini. Questo affare verrà valutato attentamente dalle due società: al momento dire che ci sia qualcosa di concreto non corrisponde alla realtà, ma è un’idea da monitorare costantemente e con particolare attenzione.

Infine, ecco anche una (non) notizia anche in entrata. Per Manolo Gabbiadini è ormai fatta. Il talento di Calcinate sposerà la causa juventina con la formula della compartecipazione, e sarà girato immediatamente in prestito al Bologna. Marotta e soci si sono assicurati la punta lombarda per una cifra vicina ai 4 milioni di euro più la compartecipazione di James Troisi (svincolatosi dal Kayserispor).

Per ufficializzare l’operazione manca solo il transfer dell’australiano, ma ormai Juventus e Atalanta sono d’accordo su tutto. I felsinei non vedono l’ora di spalancare le porte emiliane all’erede di Marco Di Vaio, mentre la Vecchia Signora gioisce nell’aver messo le mani sull’ennesimo prodotto-talento del calcio italiano.

Sullo stesso argomento