thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - E' bagarre attorno all'esterno mancino del Palermo: giallorossi avanti dopo l'ultimo rialzo, il tentativo disperato dei rossoneri è l'insidia maggiore.

Tutti vogliono Federico Balzaretti, in Italia è proprio così. Roma (favorita), Napoli (Mazzarri preme e non poco), Lazio (fanalino di coda), Juventus (che si accontenterà di Armero) e, all'improvviso, anche il Milan. E per le contendenti sono attimi di paura. Ci prova, o per lo meno ci ha provato secondo quanto appreso da Goal.com Italia, anche il club rossonero.

Il soggetto in questione è Federico  e Palermo, piazza che lo ha di fatto adottato fino a diventarne capitano, adesso sta stretta. Non è questione di feeling, ma di sopravvenuta coda al casello.

Nella memoria c'è ancora il colpo inatteso di Galliani sulla sirena del mercato estivo 2011, quando per un tozzo di pane si aggiudicò proprio dai siciliani Nocerino. I rapporti tra i rossoneri e Zamparini sono da sempre fluidi, di carattere preferenziale. Insomma, se ne può parlare. La Roma, saputa la cosa, ha già alzato l'offerta. Il Napoli si sarebbe arreso (non ancora il suo allenatore).

Adesso la palla è in mano al terzino, che ragionerà - come risaputo - anche in chiave famigliare. Dal punto di vista tecnico il progetto-Zeman è calcisticamente affascinante, il nuovo-Milan un posto di lusso e visibilità dove tornare a vestire una maglia da titolare nei grandi banchetti europei. In più, l'ingaggio prospettato dal Diavolo è leggermente superiore a quello capitolino.

Allegri ha da subito avallato l'eventuale blitz. Galliani non forzerà la mano perché mai come in questo momento i buoni rapporti in Italia sono fondamentali, ma se Balzaretti vuole Milanello, allora Milanello lo accoglierà.

L'esterno torinese è tornato alla ribalta nel grande calcio grazie a un Europeo ben sopra la media e ben sopra ogni aspettativa. Esperienza, corsa, tecnica e capacità di gestire gl interi corridoi di destra e di sinistra: Balzaretti oggi è tutto questo.

In Sicilia potrebbe finirci Mario Yepes, anche se i rosanero hanno parlato chiaro: per una vecchia promessa fatta al calciatore, soltanto la soluzione parigina sarebbe stata ritenuta una cessione dovuta e quindi a prezzo modico. Per le altre, non meno di 7 milioni di euro.

Sullo stesso argomento