thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Allegri vuole un regista ed il Milan pensa a Luca Cigarini: il giocatore è di proprietà del Napoli, ma già in prestito all'Atalanta, che pensa a Yacob per sostituirlo.

Massimiliano Allegri chiede ancora un centrocampista. Questo nonostante il rinnovo di Flamini, gli arrivi di Montolivo e Traoré, le robuste riconferme di Muntari, Nocerino, Ambrosini e per attitudine naturale anche Kevin Prince Boateng. Evidentemente, si valuta un connotato preciso: doti da regista, non necessariamente un giocatore di corsa, un buon mix di intelligenza tattica e capacità di fraseggio.

Insomma, un Aquilani che non abbia l'ingaggio dell'ex romanista, magari più giovane e più votato anche al gioco davanti alla difesa. Messe insieme queste premesse, e sempre più difficile arrivare un ex obiettivo reale quale Nuri Sahin, l'identikit più solido (anche in termine di rumors) è quello di Luca Cigarini, classe 1986 non ancora esploso come da promesse e premesse, ma ritornato ottimamente nel calcio italiano dopo l'altalentate (ma utile) esperienza spagnola a Siviglia.

Ed è dai rumors che è giusto partire. Quello più credibile racconta di un preaccordo con Pierpaolo Marino, che è il vero padre putativo del giocatore, e contestualmente anche con il ragazzo. Un preaccordo che di fatto "blocca" Cigarini, a suo agio e felice in quel di Bergamo, piazza che lascerebbe solo in caso di nuova chance in una big dopo il flop di Napoli (con il quale ha rinnovato fino al 2015 giusto per agevolare la permanenza in nerazzurro).

Si tratta quindi di un sì preventivo a favore del Milan, che ovviamente punterebbe a una comproprietà per la quale il Napoli è pronto ad ascoltare chiunque (Colantuono è da sempre un suo grandissimo estimatore). Un'operazione, quella Milan-Cigarini, effettivamente low-cost, visto che si sta parlando di un movimento che impegnerebbe i rossoneri per non più di 2,5 milioni di euro.

I riscontri non mancano anche in chiave Atalanta, dove si vocifera di una concreta nuova idea di Marino proprio sul mercato argentino, cioè dove storicamente il direttore generale pesca il meglio: la notizia è dunque dell'interessamento da parte degli orobici per il centrale di centrocampo Claudio Yacob, in forza al Racing Club Avellaneda, calciatore completo (tutto sommato non molto dissimile da Cigarini, per caratteristiche tecniche).

Classe 1987, in patria è giustamente descritto come un Redondo in tono minore. Cioè un potenziale regista di alto livello. In realtà, Yacob non disdegna affatto la propensione offensiva, è un buon finalizzatore, e soprattutto si è dimostrato nel tempo molto abile nello sfruttare le palle inattive. Servono 4 milioni per il cartellino, ma si tratta comunque di un calciatore con status extracomunitario. La situazione evolve, più a Bergamo che a Milano, dove in ogni caso la decisione sul pezzo in più per la mediana di Allegri si protrarrà a lungo. Il caso Nocerino insegna...

Sullo stesso argomento