thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - I bianconeri non mollano i due gioielli del club orobico: Signora ancora in pole per il centravanti, più fredda la pista che porta al difensore.

Manolo Gabbiadini e la Juventus. Un matrimonio che potrebbe concretizzarsi nelle prossime settimane, un affare di mercato rovente su cui sta lavorando da diversi giorni la dirigenza bianconera.

Il club juventino e l'Atalanta a breve si incontreranno per fare il punto della situazione. La Vecchia Signora in questo momento confiderebbe nell’ingaggiare l’attaccante lombardo con la formula della compartecipazione. Mentre i bergamaschi, dal canto loro, sarebbero più propensi ad effettuare una cessione a titolo definitivo dinanzi un corrispettivo di almeno 8 milioni di euro.

Secondo quanto raccolto da Goal.com Italia, Marotta e soci sarebbero in pole per l’acquisizione del talento di Calcinate, classe 1991, che nell’ultima stagione ha collezionato complessivamente 24 presenze con la Dea segnando anche due reti.

Tuttavia bisogna registrare più aspetti. Nelle ultime ore i tedeschi del Borussia Dortmund hanno tentato di riavviare un contato con la società di Antonio Percassi, ma quest’ipotesi al momento non sarebbe particolarmente in auge, in quanto il giocatore prediligerebbe passare sotto il controllo di una big italiana.

Restano da definire, poi, le contropartite tecniche di quest’affare. In Corso Galileo Ferraris punterebbero a inserire nel discorso Marco Motta, mentre a Bergamo vorrebbero un centrocampista centrale, ovvero uno tra Luca Marrone e Michele Pazienza. Il primo è un noto pallino di Antonio Conte e, nel prosieguo del calciomercato, i vertici juventini decideranno se cedere o meno il mediano torinese. Il secondo, invece, percepisce uno stipendio estremamente elevato per gli standard nerazzurri: 1.2 milioni di euro netti a stagione. Troppi per l’Atalanta, la quale sarebbe felice di aprire le porte di Zingonia al giocatore pugliese, a patto, però, che la Signora del calcio italiano contribuisca nel pagamento dello stipendio.

Il direttore generale della Juventus, Beppe Marotta, assieme al suo fido, nonché direttore sportivo, Fabio Paratici, cercheranno di trovare una soluzione a stretto giro di posta con il loro collega dirimpettaio, Pierpaolo Marino. Inoltre non è da escludere che in quel di Torino decidano di ingaggiare definitivamente il calciatore per poi girarlo prontamente ad un’altra società con la formula del prestito semplice. In questo concetto, tra le altre, ci sarebbe il Bologna pronto ad accoglierlo a braccia aperte. A breve, quindi, si capirà quale sarà il destino del centravanti bergamasco, la Vecchia Signora è fortemente intenzionata a chiudere il discorso e, infatti, al momento viaggia spedita verso la definizione della trattativa.

Sempre con l’Atalanta, d’altro canto, c’è un altro discorso in ballo, quello riguardante Federico Peluso (classe ’84). Il d.g. Marotta e il d.s. Paratici continuano a monitorare attentamente quest’opzione. Il terzino sinistro romano piace a Conte e il suo ipotetico approdo in terra piemontese non è assolutamente da escludere. D’altra parte, però, in casa juventina si continua a setacciare il mercato internazionale per tentare di scovare un’occasione, che oscilli tra i 7 e gli 8 milioni di euro, da poter cogliere. Qualora quest'opportunità non si verificasse, verosimilmente, partirebbe l’affondo per l’acquisizione del laterale basso ex Albinoleffe.

In definitiva, il dialogo tra il club piemontese e quello lombardo è fitto. Il presentimento è che tra queste due società qualcosa accadrà. Per il momento la Juventus sta operando in maniera convinta su Gabbiadini, con Peluso in rampa di lancio. Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Sullo stesso argomento