thumbnail Ciao,

L’agente Fifa ha parlato anche dei suoi assistiti: “Isla ha molte richieste in Italia e all’estero, ma se ne parlerà a giugno”.

La Serie A si avvicina alla pausa di dicembre e le società stringono accordi in vista del mercato di gennaio. Goal.com continua il suo viaggio fra i procuratori con un’intervista esclusiva a Claudio Vagheggi, agente Fifa esperto di calcio africano e sudamericano, che  cura gli interessi fra gli altri di Isla, Kwadwo Asamoah e Almiron.

Claudio, cosa dobbiamo aspettarci a gennaio? “Io credo che a parte Tevez ci saranno movimenti minimi. Tante squadre faranno operazioni ben definite per completare la propria rosa. Considerata la crisi economica grossi soldi non ne gireranno”.

Si parla però sui giornali di diversi attaccanti che potrebbero cambiare maglia: Inzaghi, Borriello, lo stesso Milito… “Potrebbe esserci un giro di attaccanti attraverso una serie di prestiti. Il problema di questi giocatori che hai citato è quello che hanno contratti importanti e piuttosto onerosi, che dunque non tutte le squadre possono permettersi”.

Inzaghi potrebbe fare al caso del Napoli? Per me Inzaghi ha ancora tanto da dire in Italia e in Europa. Se è vero che il Napoli sta pensando a lui e lo prende fa un affare”.

Per quanto riguarda Borriello dove pensi possa andare? “Non sono tante le squadre che possono permettersi di pagare il suo ingaggio. Credo che possa andare al Genoa, squadra con cui in passato ha segnato 19 goal in campionato, qualora i rossoblù riescano ad accordarsi con la Roma su un prestito”.

Tu conosci bene la realtà dell’Udinese. La squadra bianconera è al momento al secondo posto in classifica con il Milan. Cosà faranno i friulani nel mercato invernale?
“A gennaio si giocherà la Coppa d’Africa, per cui verranno a mancare a Guidolin due pedine molto importanti come Asamoah e Badu. Penso allora che si faranno 2-3 interventi sul mercato per sopperire a queste assenze”.

Passiamo ai tuoi assistiti: si parla tanto di Isla. Potrebbe andare in una big già a gennaio? “Mauricio è un giocatore ormai affermato di livello internazionale, essendo anche un nazionale cileno. Lui ha molte richieste, sia dall’Italia, sia dall’estero, le offerte non mancano ma in questo momento non pensa al mercato, se ne parlerà a giugno”.

Per Asamoah invece il 2012 sarà un anno denso di impegni, sia con l’Udinese, sia con la sua Nazionale. Ci sono possibilità che a gennaio cambi squadra? “Asamoah è abituato ormai a sostenere ritmi e livelli di rendimento importanti. Per quanto riguarda il suo futuro l’Udinese ha più volte spiegato che non cederà nessun giocatore importante a gennaio”.

Lo stesso vale anche per Benatia e Armero? “Preciso che di loro due non mi occupo io direttamente, anche se conosco bene la situazione. Sono giocatori importanti che, come detto prima, proprio per questo resteranno a Udine fino a giugno”.

Come procede invece l’avventura di Almiron al Catania?Il Catania è una società sana e ambiziosa e Almiron, che ha firmato un triennale con gli etnei, si trova bene in Sicilia”.

Ci sono dei giovani su cui ti senti di scommettere in prospettiva futura?
“Uno che sicuramente farà parlare di sé è Cristian Battocchio. È un centrocampista dalle caratteristiche simili a quelle di David Pizarro, in quanto è un regista che gioca davanti alla difesa. È già un nazionale Under 20 in maglia azzurra. Un altro talento è l’attaccante della Primavera Davide Marsura, anche lui nazionale Under 17. Ragazzo di grandi qualità è poi l’esterno offensivo Roberto Pereyra. Tutte e tre sono dell’Udinese. Per andare su un nome che non è fra miei assistiti voglio segnalare infine Muriel del Lecce, che a mio parere diventerà un grande giocatore”.


Sullo stesso argomento