thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Juventus al lavoro per blindare Conte, si tratta per il rinnovo fino al 2018. A vuoto il sondaggio del Monaco, il tecnico prepara il calciomercato che verrà.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus Goal Italia

Presente e futuro. La Juventus viaggia su questi due binari, campionato ed Europa League da una parte, programmazione estiva dall’altra. E la condicio sine qua non cambia: Antonio Conte. Madama lavora per blindare il proprio tecnico, vuole continuare ad alimentare un progetto vincente, ponendo nel tecnico salentino l’assoluta certezza. Colloqui in fase embrionale, pronti a sfociare in un rinnovo, tempistiche incerte ma basi solide, con tanto di chiacchiericci infondati cancellati.
 
In un primo momento, secondo quanto raccolto da Goal Italia, sembrava che le parti fossero vicine a un accordo fino al 30 giugno 2016, quindi una sola stagione in più dell’attuale scadenza. Nelle ultime settimane, tuttavia, i colloqui si sarebbero spostati su altri versanti, appunto, 2017 o 2018. Segno di un legame pronto a proseguire ancora per molto tempo, segno di armonia totale in corso.
 
D’altronde, e ciò testimonia come il futuro sia abbastanza delineato, gli uomini di corso Galileo Ferraris sono pronti a tuffarsi nel prossimo mercato seguendo totalmente i dettami proposti dal condottiero leccese. Portare a casa uno tra Juan Cuadrado (Fiorentina) e Alessio Cerci (Toro), a detta dei bene informati, rappresenta la priorità per l’a.d. Beppe Marotta e il d.s. Fabio Paratici. Insomma, occorre una pedina di questo tipo per iniziare a intraprendere nuovi percorsi tecnico-tattici. 4-3-3 sullo sfondo? Si vedrà.
 
Quindi, nonostante il Monaco nei mesi scorsi abbia provato a sondare l’umore di Conte, il trasferimento in terra francese non è destinato a concretizzarsi. Vuoi perché l’allenatore campione d’Italia nel torinese si sente “a casa”, vuoi perché l’evoluzione societaria bianconera comporterà – nel breve e lungo termine – la possibilità di effettuare importanti investimenti mirati. Politica necessaria per tentare di colmare il gap con le big europee.
 
Già, la Champions League, vero e proprio obiettivo contiano. Un trofeo che manca da ormai troppi anni nel torinese e che, con il passare del tempo, ha assunto i contorni di un’ossessione.
L’attualità economica del calcio italiano, però, sottolinea come la pazienza debba regnare sovrana. E la Juventus, forte di un patrimonio tecnico assai valorizzato negli ultimi anni, può iniziare a pensare di puntellare l’organico col fine di avvicinarsi sempre di più alla coppa dalle grandi orecchie.
 
La missione non è semplice, assolutamente, ma sotto la Mole vige la volontà di voler continuare a costruire. Espressione tanto cara a Conte, il quale stringe i tempi con Madama per quanto concerne il prolungamento. Mesi importanti in tal senso. Ma il futuro, a meno di clamorosi colpi di scena, è già scritto. Per la gioia dello stesso mister, della Vecchia Signora e di tutti i suoi tifosi.

Sullo stesso argomento