Speciale Goal.com - L’arrivo del Faraone delinea i piani-Milan: da Cassano a Mister X, con El Shaarawy cambia il mercato

Le strategie di mercato del club di via Turati potrebbero mutare in caso di acquisto del giovane campioncino savonese, ormai prossimo a vestire la maglia rossonera.
Calciomercato in Diretta su Goal.com - Clicca QUI
Segui Goal.com sui Social Network

Un blitz per bruciare la concorrenza e assicurarsi il più forte talento italiano della nuova generazione. Galliani strappa applausi con l’affare El Shaarawy, che salvo ribaltoni clamorosi è destinato a diventare un giocatore del Milan già nelle prossime ore.

L’acquisto del ‘Faraone’ del Genoa, quest’anno strabiliante con la maglia del Padova in Serie B, potrebbe di fatto delineare il mercato rossonero, che stava navigando tra la ricerca di una mezzala sinistra e la tentazione di un fantasista di talento, con l’arretramento di Boateng o con l’acquisto in simultanea di un centrocampista magari meno costoso.

L’arrivo del giovanissimo fantasista savonese potrebbe condizionare le successive mosse di Galliani e Braida: analizziamo come il colpo El Shaarawy potrebbe cambiare le strategie del Diavolo…



Dove mettere il Faraone

IL MILAN DEL FARAONE
Abbiati
Abate - Nesta - Thiago Silva - Taiwo
Gattuso - Van Bommel - Boateng
EL SHAARAWY
Pato - Ibrahimovic
Se, come sembra, Stephan dovesse approdare subito a Milanello vorrebbe dire che Allegri ha intenzione di trovare spazio per il talentuoso gioiello italiano di nascita ma con sangue egiziano (il papà è emigrato nel Belpaese circa 40 anni fa e ha ottenuto poi la cittadinanza italiana). El Shaarawy nel 4-3-1-2 rossonero ricoprirebbe il ruolo di fantasista dietro le punte, visto il sovraffollamento in attacco con Ibrahimovic, Pato, Robinho, Cassano e Inzaghi (e il rientrante Paloschi) a contendersi le due maglie. Lui, che nel Padova è stato impiegato come attaccante esterno sinistro nel tridente, ha sempre ammesso che preferisce partire defilato per poi accentrarsi, avendo maggiore visione di gioco rispetto al ruolo di trequartista centrale, dove si troverebbe spesso spalle alla porta. Ma Allegri, che sarebbe rimasto impressionato, oltre che dalla tecnica sopraffina, anche dalle doti fisiche del ragazzo, che ha già una buona struttura nonostante la giovanissima età.

Mister X, addio al fantasista?

Con El Shaarawy, Boateng e Seedorf il Milan potrebbe decidere di non rincorrere un trequartista (Ganso, Kakà, Lamela e Pastore i nomi più gettonati nelle ultime settimane) ma di concentrarsi solo ed esclusivamente sulla caccia alla mezzala sinistra. Il giochino di Allegri e Galliani, che avevano assicurato l’arrivo di un solo giocatore, è sembrato più un depistaggio che altro, ma alla fine il rinforzo per il centrocampo, l’erede di Pirlo per intenderci, potrebbe davvero avvicinarsi all’identikit tracciato. Considerato anche che le operazioni fatte finora non hanno portato il club rossonero a compiere grossi investimenti - la metà di El Shaarawy dovrebbe costare circa 6,5 milioni, per Boateng, come ammesso dai due presidenti, non son girati tanti soldi, Mexes e Taiwo sono arrivati a parametro zero – è lecito attendersi un colpo importante anche dal punto di vista economico: Fabregas è il sogno irraggiungibile, Schweinsteiger la tentazione degli ultimi giorni, ma non è da escludere che possano spuntare nuove piste a breve.

Non si può comunque dimenticare che il nome fatto da Allegri resta quello di Marek Hamsik, soluzione ibrida tra il trequartista e la mezzala (lo slovacco, per le sue doti tecniche ed organiche potrebbe essere schierato sia nei tre di centrocampo, sul centro-sinistra, che da mezzapunta con l’arretramento di Boateng). La duttilità del campione del Napoli potrebbe permettere al tecnico livornese di non sacrificare troppo El Shaarawy, chiuso invece dall’eventuale arrivo di un 10 classico. Una cresta dunque non esclude l’altra…

Anto', e tu che fai?

La seconda ipotesi prevede invece l’inquadramento di El Shaarawy nel reparto offensivo. Se il gioiellino del Genoa dovesse essere considerato da Allegri più una seconda punta che un fantasista Antonio Cassano e il Milan inevitabilmente intraprenderebbero sentieri diversi. L’intenzione di FantAntonio era quella di cominciare la stagione in rossonero per capire quanto spazio può trovare (considerata anche la Supercoppa Italiana da giocare contro l'Inter probabilmente senza Pato e Robinho, che saranno reduci dalla Copa America) ed eventualmente chiedere la cessione negli ultimi giorni di mercato, con Fiorentina e Napoli in agguato. L’arrivo del ‘Faraone’ potrebbe cambiare i piani, qualora il barese si sentisse ancor di più minacciato dalla presenza in squadra del giovane fantasista, che potrebbe restringere gli spazi a disposizione di FantAntonio. Al momento le possibilità che Cassano resti al Milan si attestano sul 50%. Tutto dipenderà da Allegri.

Grifone per un anno?

L’approdo di El Shaarawy in rossonero potrebbe però ancora essere rimandato di un anno: Galliani e Preziosi hanno raggiunto l’accordo sulla valutazione del ragazzo ma stanno ancora valutando, insieme anche all’agente del giocatore Roberto La Florio, quale sia la scelta migliore per la stagione 2012/2012. Il Milan ha imbastito la trattativa con la ferma volontà di assicurarsi sin da subito ‘El92’, sintomo che la società di via Turati è pronta a scommettere sulle qualità del giovane talento savonese.

LA VS VOCE SU » "Ottimo, ma troppo giovane per il Milan" DI' LA TUA!

Tuttavia un anno nella massima serie con la maglia del Grifone potrebbe consentire a Stephan di accumulare esperienza e crescere ulteriormente in vista del passaggio al Milan. E se dovesse restare a Genova per un altro anno, Galliani potrebbe modificare nuovamente le sue strategie sul celebre Mister X. Ad oggi tutto il mercato rossonero sembra davvero ruotare attorno al futuro prossimo di El Shaarawy…