thumbnail Ciao,

Dal viola Bernardeschi al napoletano Radosevic, dal pilastro rossonero Cristante al 'nuovo Inzaghi' della Juventus Lanini, conosciamo meglio i gioielli della Coppa Carnevale

In 65 anni di storia il Torneo di Viareggio è stato il trampolino di lancio per tanti campioni che oggi calcano i campi di calcio di tutto il mondo. A leggere i giocatori che sono eplosi nella kermesse in terra toscana c'è davvero da leccarsi i baffi: Totti, Baggio, Del Piero, Buffon, Maldini, De Rossi, Cassano, Nesta, Pirlo. Senza dimenticare i più recenti Balotelli, El Shaarawy, Destro ed Immobile.

L'attuale edizione è arrivata agli ottavi di finale: i gioielli in vetrina non mancano, noi ne abbiamo scelti 10 tra i più luccicanti.

FEDERICO BERNARDESCHI
Squadra Fiorentina
Ruolo Trequartista Classe 1994

Mancino di grandissimo talento, numero 10 sulle spalle e futuro assicurato in viola. Può giocare ala o trequartista, creando scompiglio tra le linee di difesa avversarie. I calci piazzati sono la sua specialità, che siano punizioni o rigori.

Nel corso della fase a gironi ha già segnato quattro reti: è uno di quei giocatori che deliziano le platee e fanno innamorare i presidenti. Da tenere d'occhio.

GERGELY BOBAL
Squadra Honved
Ruolo Attaccante Classe 1995
Il Manchester City lo ha scartato ad un provino, ma non sarebbe la prima volta che i Citizens commettono un errore di valutazione. La Roma, infatti, ha seguito questo forte centravanti ungherese per tutta l'estate, e vedondolo all'opera nel Viareggio si sarà convinta ancor di più a puntare su di lui.

L'Honved, la sua squadra, non si è qualificata agli ottavi a causa di una larga vittoria proprio della Roma, che ha fatto esplodere mille polemiche. Lui, però, ha pensato solo a segnare, gonfiando la rete per cinque volte in tre partite. Per essere un 95' fisicamente è davvero impressionante. Con la giusta maturazione tecnica può diventare davvero un bel giocatore.

JONATHAN CALLERI
Squadra All Boys Ruolo Attaccante Classe 1993

Un argentino in mezzo ci sta sempre. Soprattutto se ha i numeri di questo attaccante di movimento dell'All Boys. La sua squadra è stata la rivelazione della prima fase del torneo, e lui ha provveduto a far scrivere e sottolineare il suo nome sul taccuino degli osservatori.

Molte società di Serie B si sono già messe sulle sue tracce, suo zio è Nestor Fabbri, difensore centrale della nazionale argentina ai mondiali italiani del '90. Il passaporto di Calleri è comunitario, fattore importante in ottica calciomercato.

BRYAN CRISTANTE
Squadra Milan
Ruolo Centrocampista Classe 1995

Nel settore giovanile rossonero il suo nome spicca su tutti. Un regista che col passare degli anni può diventare da oscar. Batte le punizioni "discretamente", aveva detto il suo tecnico Dolcetti: col Newcastle ne è arrivata la prova.

Ha un'elevatissima tecnica individuale, le chiavi del centrocampo sono sue, ma spesso viene utilizzato in difesa per sfruttare la sua bravura nell'impostazione del gioco. Osservatori di Barcellona e Villareal sono venuti a vederlo direttamente al 'Bresciani', ma il Milan se lo tiene stretto. Perchè Cristante è parte integrante del nuovo progetto rossonero che mette i giovani al primo posto.

NICOLA GALELLI
Squadra Serie D team
Ruolo Attaccante Classe 1996

Quando un ragazzino del 96' che gioca in Serie D attira l'interesse di club come il Napoli è impossibile restare indifferenti. Gioca nel Darfo Boario, ma è con la Rappresentativa Serie D che ha messo in mostra tutto il suo talento.

Contro gli ecuadoregni del Norte America è entrato a mezz'ora dal termine, spaccando in due la partita ed ispirando a suon di giocate la rimonta dei suoi da 0-1 a 2-1. Salta spesso e volentieri l'uomo, è veloce ed imprevedibile. Fisicamente è ancora un pò acerbo, ma col tempo si formerà e prenderlo adesso potrebbe rivelarsi un affare.

NATHAN KABASELE
Squadra Torino
Ruolo Attaccante Classe 1994

Preso dal Torino nelle ultime ore di calciomercato direttamente dal florido vivaio dell'Anderlecht, questo 19enne attaccante belga sta confermando quanto di buono si diceva su di lui: rapido, imprevedibile, devastante in contropiede, 'Kaba' ha già messo a segno 4 reti.

Può giocare sia da prima che da seconda punta, gli addetti ai lavori lo paragonano a Lukaku. Paragone azzardato? Staremo a vedere...

DIAO KEITA
Squadra Lazio
Ruolo Attaccante Classe 1995

Quattro goal ed un talento da vendere. L'attaccante senegalese della Lazio si preannuncia uno dei potenziali crac non solo della Coppa Carnevale. Gioca da attaccante esterno, ha velocità, potenza e freddezza sotto rete. I biancocelesti lo hanno soffiato alla cantera del Barcellona, ed ora si capisce il perchè.

Petkovic ha già pensato di provarlo presto in prima squadra, lui intanto continua ad impressionare e soprattutto segnare. Il Viareggio può essere il trampolino da dove fare il definitivo salto verso il grande calcio.

ERIC LANINI
Squadra Juventus
Ruolo Attaccante Classe 1994

Al 17' della prima gara della Juventus contro il Maribor si infortunia Stefano Padovan, bomber principe bianconero. Il mister Baroni decide di mandar dentro il meno conosciuto Lanini, che in 24 minuti stende con una tripletta i malcapitati sloveni.

Ma Lanini non si ferma, e nella partita successiva mette a segno una doppietta contro l'Avellino. Il 18enne attaccante bianconero è tutt'ora il capocannoniere della coppa con 5 reti, ma quello che più ha impressionato gli addetti ai lavori è il suo modo di giocare sul filo del fuorigioco, eludendo le marcature avversarie alla Pippo Inzaghi.

DANIEL JARA MARTINEZ
Squadra Genoa
Ruolo Attaccante Classe 1993

Si era un pò perso il promettente attaccante paraguayano che fino ad un paio di stagioni fa sembrava ad un passo dall'esplosione con la maglia del Palermo. Evidentemente non era ancora pronto per il passaggio in prima squadra, ma oggi potrebbe aver acquisito la giusta maturità.

Con la maglia del Genoa ha incantato nella fase a giorni, segnando tre goal e dimostrando di avere una caratura tecnica sopra la media. Che sia la volta buona per Jara?

JOSIP RADOSEVIC
Squadra Napoli
Ruolo Centrocampista Classe 1994

Il ragazzino croato si sta facendo valere. Nella seconda gara del torneo contro il Lecce ha addirittura dato spettacolo con due goal su calcio di punizione. Non solo dinamismo e forza fisica, quindi, il top young del Napoli possiede anche delle qualità tecniche da non sottovalutare.

All'Hajduk Spalato era titolare nonostante la giovane età, e chissà che con queste prestazioni non possa convincere Mazzarri a fargli spazio prima del previsto.

Sullo stesso argomento