thumbnail Ciao,

Stevan Jovetic sabato sfiderà la Juventus, squadra che in estate farà di tutto per aggiudicarselo. Il match tra bianconeri e Fiorentina sarà anche questo...

A volte ritornano, anzi, ritorna. La passione che nutre la Juventus nei confronti di Stevan Jovetic non è mai diminuita, anzi, è aumentata con il passare dei mesi, tanto da far presagire un nuovo possibile interesse estivo juventino. Ma questa volta, oltre all'ovvia complessità dell'operazione, bisognerà tenere conto anche della concorrenza del Manchester City, intenzionato più che mai a portare il montenegrino in terra inglese.

Antonio Conte, tecnico della Vecchia Signora, farebbe carte false pur di poter allenare il compagno di reparto in Nazionale di Mirko Vucinic, lo considera un potenziale top player e, soprattutto, lo ritiene compatibile con le sue metodologie offensive.

Nell'ultimo mese, vedi la richiesta ufficiale viola per Fabio Quagliarella, i due club hanno iniziato nuovamente a dialogare e, questo aspetto, potrebbe agevolare la probabile offensiva juventina, archiviando definitivamente lo spiacevole inconveniente aeroportuale targato Dimitar Berbatov.

La società dei Della Valle, dal canto suo, non sembra intenzionata a svendere un proprio patrimonio, e ciò significa solamente una cosa: chi vorrà mettere le mani sul numero 8 gigliato lo dovrà fare con fatti concreti e non con chiacchiere, altrimenti l'uomo di Podgorica continuerà a deliziare la platea dell'Artemio Franchi.

Senza contare che questa vicenda alimenta molteplici dubbi. Uno di questi, ovviamente, è la famosa clausola rescissoria fissata negli altrettanti famosi 30 milioni di euro. Cifra significativa, nonché impegnativa, per l'intero calcio italiano. Proprio per questo motivo, infatti, nel lungo corteggiamento agostiano, Marotta e soci hanno provato a inserire nell'argomento alcune contropartite tecniche. La sponda torinese ha proposto Quagliarella e Matri, mentre quella fiorentina avrebbe accolto volentieri il duo Marrone-Giaccherini con annesso conguaglio economico. Distanza abissale.

A distanza di qualche mese, però, la situazione sembrerebbe essere cambiata. Jovetic in Toscana non è più considerato incedibile, la scommessa Giuseppe Rossi lo testimonia esplicitamente, e a fine stagione alcuni elementi zebrati potrebbero salutare il capoluogo piemontese. Uno dei maggiori indiziati in tal senso è proprio Quagliarella. L'attaccante di Castellammare di Stabia ha ormai capito di essere nel ciclo conclusivo del suo periodo zebrato, ha iniziato a valutare opzioni alternative ed è conscio di piacere, e molto, a Vincenzo Montella.

Curiosità. Il bomber campano, in occasione dell'ultimo giorno dell'ultima compravendita di riparazione, è stato contattato dall'amministratore delegato del Parma, Pietro Leonardi, per sondare il suo gradimento alla piazza emiliana. Ebbene, non solo Eta Beta non ha storto il naso dinanzi l'opportunità di approdare alla corte di Donadoni, bensì si sarebbe trasferito volentieri dal suo ex dirigente ai tempi friulani, Tuttavia la situazione non si è sviluppata in quanto la suggestione Belfodil-Juve è rimasta, appunto, tale.

Juventus-Fiorentina d'altra parte è anche l'attualità. Sabato, con fischio di inizio alle 18, le due compagini si sfideranno in un match chiave per le rispettive stagioni.

In quest'occasione, ovviamente, le due dirigenze avranno l'opportunità di affrontare svariati argomenti. E noi siamo pronti a scommettere che quello del mercato regnerà sovrano.

Sullo stesso argomento