thumbnail Ciao,

Vi presentiamo Younes Belhanda, stella del Montpellier che l'Inter potrebbe portare presto in Italia. Trequartista 'vecchio stile', che ha preferito il Marocco alla Francia.

Ci sbilanciamo subito, utilizzando il termine più abusato del momento: Belhanda è un Top Player. Senza ombra di dubbio. Il giocatore che il presidente del Montpellier ha annunciato di aver ceduto all'Inter in cambio di 14 milioni è uno dei talenti più lucenti del calcio internazionale e, a 22 anni, ha già dimostrato tutto il suo valore.

14 milioni, dicevamo. Una cifra sicuramente importante da sborsare per un ragazzo che ha alle spalle poco più di due stagioni da titolare in Ligue 1, ma probabilmente esigua se si pensa al valore del talentuoso trequartista franco-marocchino, protagonista assoluto del clamoroso trionfo del Montpellier nel campionato francese.

Belhanda compirà 23 anni a febbraio ed è attualmente con la Nazionale del Marocco in Coppa d'Africa. Seppur nato ad Avignone, infatti, il giovane Younes ha deciso di cedere alle lusinghe della Nazionale africana, probabilmente temendo di non poter ambire a quella transalpina. Ma si sbagliava.

YOUNES BELHANDA
Nome Younes
Cognome Belhanda
Squadra Montpellier
Nazione Marocco
Ruolo Trequartista
Età 22
Altezza 177 cm
Pres Ligue 1
114
Gol Ligue 1 22
Alto 1 metro e 77 e dal fisico molto longilineo, Belhanda è infatti il talento più brillante che la Ligue 1 ha sfoggiato nell'ultima stagione pre-Ibrahimovic. Il suo contributo, fatto di 12 goal e 6 assist, è stato decisivo ai fini dell'incredibile conquista del campionato da parte di un Montpellier che secondo molti avrebbe lottato per la permanenza nella massima serie e che invece l'estate scorsa ha regalato ai propri sostenitori un vero e proprio sogno.

Nonostante i 21 goal messi a segno dal bomber Giroud, passato poi all'Arsenal, è stato senza ombra di dubbio Belhanda il protagonista del trionfo del Montpellier. Snobbato dalle big in estate, il giovane trequartista non si è perso d'animo ed ha preso le redini del club blu-arancio anche in Champions League, bagnando con un folle 'cucchiaio' su calcio di rigore il suo esordio assoluto nella massima competizione europea, contro l'Arsenal.

Personalità da vendere, insomma. Personalità che talvolta gli è costata qualche 'stupidata', come ad esempio la rissa con il difensore dell'Evian Mongongu che lo scorso anno gli valse la squalifica per le ultime e delicatissime giornate di campionato.

Errori di gioventu a parte, però, Belhanda è un sicuro talento che, già in tempi non sospetti, il presidente del Montpellier Nicollin non tardò a definire "più forte di Hazard".

Sia con il Marocco che con il Montpellier indossa quel numero 10 che erediterebbe anche all'Inter e che ne descrive alla perfezione le caratteristiche. Belhanda è infatti il classico numero 10 'alla Kakà', molto tecnico e dalla progressione devastante, in grado di cambiare la partita con un lampo, un'invenzione. E i 18 goal messi insieme nelle 45 presenze raccolte nelle ultime due edizioni della Ligue 1 ne dimostrano anche il senso del goal.

Insomma, un calciatore sul quale è opportuno investire senza troppo indugiare.

Sullo stesso argomento