thumbnail Ciao,
Profilo - Barcellona, non solo Messi e record: tutto sul nuovo incubo del Milan

Profilo - Barcellona, non solo Messi e record: tutto sul nuovo incubo del Milan

AFP

Viaggio nella collezione di fuoriclasse Blaugrana, spauracchio numero uno dell'Europa calcistica e prossimo avversario del Milan in Champions League.

BARCELLONA -

LA SQUADRA - Non il Barça, non ancora loro. E' questo il pensiero più in voga tra i tifosi rossoneri, che la passata stagione hanno dovuto affrontare 4 volte la corazzata catalana, nel girone e poi ai quarti, con esiti piuttosto negativi. Il cambio Guardiola-Vilanova non ha cambiato praticamente nulla, la squadra è rimasta la stessa nel gioco spumeggiante guidato sempre più da Lionel Messi.

LA STELLA - Semplicemente e inevitabilmente Lionel Messi. Finiti tutti gli aggettivi per questo straordinario campione, un uomo capace di siglare qualcosa come 90 goal nel 2012. Tra Liga e Champions ha messo a segno 30 reti in 22 presenze, che gli hanno permesso di avvicinarsi di molto alla conquista del 4° pallone d'Oro consecutivo. Ora come ora, immaginare una Barça senza Messi pare davvero impossibile.

L'ALLENATORE - Quando la dirigenza del Barça scelse Tito Vilanova per sostituire Guardiola, in molti si mostrarono scettici sulla decisione, che invece si sta rivelando azzeccatissima. Vilanova in questi anni ha lavorato fianco a fianco con Pep, ha appreso i suoi insegnamenti tattici e ha saputo metterli in pratica una volta chiamato in causa. E non dite che con una squadra del genere vincerebbe chiunque, visti gli esempi di tante grandi compagini che per vincere ci hanno messo tanto( o ancora non lo fanno, vedi Psg).


IN CHAMPIONS - Tutto secondo i piani per i blaugrana. 3 su 3 nel girone d'andata, successivamente una battuta d'arresto al Celtic Park di fronte a un pubblico da brividi. Poi altri 4 punti conquistati con annesso primo posto, che mettono i catalani in una situazione di vantaggio per tentare un nuovo assalto alla Coppa dalle grandi orecchie.

IN CAMPIONATO - La supremazia mostrata nella Liga è quasi imbarazzante: 46 punti in 16 gare, frutto di 15 successi e un solo pareggio. La vittoria finale è quasi una formalità, visto il crollo del Real che si trova a -13 dai blaugrana. L'unica squadra che finora ha retto il passo (o quantomeno ci ha provato) è stata l'Atletico dello straripante Falcao, abbattuto al Camp Nou nell'ultimo turno e ora scivolato a 9 punti. Parlare ancora sarebbe superfluo.


FORMAZIONE TIPO

Valdes

Dani Alves - Piquè - Mascherano - Jordi Alba

Xavi - Busquets - Iniesta

Pedro - Messi - Sanchez


PRO - Non c'è alcun aspetto positivo, oggi, nella prospettiva di dover affrontare il Barcellona: è l'amara, semplice verità per il Milan. Sforziamoci per trovarne uno: come dice sempre Josè Mourinho, affrontare partite di un certo livello è facile perchè la squadra non va preparata sotto il profilo psicologico, tutto vien da sè. Siamo sicuri che Allegri non farà fatica a spiegare ai suoi quale atteggiamento servirà.

CONTRO - Un uomo da 90 goal in un anno, tanto per partire soft. Basterebbe Lionel Messi per spaventare qualunque squadra di questo mondo. Ma il Barça non è solo la Pulce e il Milan lo sa, avendo affrontato i marziani meno di un anno fa. E' la mentalità, è il gioco, è la filosofia, è il modo di vivere e concepire il calcio a rendere il Barcellona qualcosa di unico. E a tratti invincibile.

Sullo stesso argomento