thumbnail Ciao,
Speciale - Guida agli avversari del Napoli in Europa League: Preoccupa soltanto il PSV di Van Bommel, morbidi Dnipro e AIK

Speciale - Guida agli avversari del Napoli in Europa League: Preoccupa soltanto il PSV di Van Bommel, morbidi Dnipro e AIK

Getty Images

L'ostacolo maggiore per i partenopei è la formazione olandese, navigata su scena internazionale. Non possono rappresentare insidie ucraini e svedesi.

PSV -

LA SQUADRA - Giunto terzo nella scorsa Eredivisie alle spalle di Ajax e Feyenoord, il PSV è lontano dai fasti di un tempo ma resta sempre competitivo. Una di quelle squadre che l'Europa la bazzicano puntualmente ogni anno, tutt'altro che morbide da incrociare. Da testa di serie rappresenterà senza dubbio l'ostacolo maggiore per gli uomini di Mazzarri, il gruppo è dotato di fisico e tecnica.

LA STELLA - Sono due-tre le individualità più interessanti del gruppo. A Maartens e Toivonen, quelli che più infiammano il popolo del Philips Stadion, preferiamo però Kevin Strootman. Mediano dal gran fisico appetito da mezza Europa, 21 anni sulla carta d'identità e un potenziale da autentico top player nel suo ruolo. Sarà il perno della mediana Oranje dei prossimi anni.

I VOLTI NUOVI - La campagna acquisti del PSV si è aperta con un colpo all'insegna del nostalgico, il ritorno di Mark Van Bommel, svincolatosi dal Milan dopo una stagione e mezza in rossonero. Il vero gioiellino è quel luciano Narsingh chiamato ad infiammare le corsie esterne con le sue sgroppate tutte dribbling e qualità. Tra i pali è stato preso Tyton, protagonista ad Euro 2012 con la Polonia.

L'ALLENATORE - Da quest'anno sulla panchina del PSV siede Dick Advocaat, già ad Eindhoven nel periodo tra il 1995 e il 1998. Allenatore olandese esperto e giramondo (tanti incarichi a livello di club e nazionale) avrà il compito di riportare il PSV a trionfare in campionato dopo quattro anni di digiuno.

DNIPRO -
LA SQUADRA - Formazione ucraina dell'impronunciabile Dnipropetrovsk, si affaccia sul palcoscenico dell'Europa League dopo il quarto posto conquistato nella passata stagione in campionato. Un anno fa vide svanire la qualificazione nel preliminare contro il Fulham, stavolta ha fatto centro eliminando agevolmente lo Slovan Liberec. E' di proprietà del Privatbank Group, che sta investendo parecchio nel progetto tecnico.

LA STELLA - Come tutte le formazioni ucraine di livello negli ultimi anni ha aperto le porte all'importazione di svariati giocatori africani e sudamericani. Il gioiello, però, è fatto in casa. Parliamo di quell'Evgen Konoplyanka che si è messo in bella mostra durante gli ultimi Europei giocati davanti al pubblico di casa. Centrocampista offensivo rapido e di buona tecnica, è stato a lungo nel mirino dell'Arsenal.

I VOLTI NUOVI - Sul mercato il Dnipro ha operato prevalentemente in territorio ucraino, senza andare a pescare all'estero. L'investimento maggiore è stato operato per Evgen Seleznev, punta prelevata dallo Shakhtar Donetsk per cinque milioni di euro. Importanti arrivi in prestito rispettivamente da Dinamo e Arsenal Kiev, il centrocampista Aliev e il difensore nigeriano Odibe.

L'ALLENATORE - A conferma delle potenzialità economiche del club ucraino, la presenza di un allenatore dal curriculum importante come Juande Ramos. A dire il vero, dall'exploit di Siviglia, il tecnico spagnolo ha collezionato fallimenti su fallimenti, dal Tottenham al Real fino ad arrivare al CSKA Mosca. In Ucraina, nell'ambiziosa periferia del calcio europeo, sta cercando il suo rilancio personale.

AIK STOCCOLMA -
LA SQUADRA - Gli svedesi tornano a farsi vedere nell'Europa che conta dopo alcuni anni di anonimato. La fase a gironi arriva a sorpresa ai danni del CSKA Mosca, eliminato contro ogni pronostico. L'AIK, attualmente quarto in campionato a cinque lunghezze dall'Elfsborg, presenta un gruppo all'insegna della globalizzazione: svedesi e giocatori di origini africane convivono ormai da anni.

LA STELLA - Pochi i calciatori conosciuti su scena internazionale. Celso Borges, però, meriterà un occhio di riguardo. Numero 10 atipico, talentuoso ma dal gran fisico, si è imposto in Svezia dopo il suo arrivo dal Costarica con la meglia del Fred. Può giocare come punta centrale, ma ama svariare sulla trequarti per essere sempre nel vivo del gioco.

I VOLTI NUOVI - Mercato relativamente tranquillo quello condotto dall'AIK. Le operazioni più interessanti sono state condotte con il Celtic: dalla Scozia è arrivato l'esperto difensore Majstorovic e la punta Bangoura, in prestito fino al 1 dicembre. A parametro zero è arrivato anche Henok Goitom, uno dei tanti giocatori passati nell'universo Udinese nel corso degli anni.

L'ALLENATORE - Da fine 2010 è il 39enne Andreas Alm il condottiero dell'AIK. Nel suo passato una carriera da commentatore televisivo prima della trafila nello staff tecnico giallonero, durante la quale ha ricoperto il ruolo d'assistente fino a diventare capo allenatore due anni orsono.

Sullo stesso argomento