thumbnail Ciao,
Speciale - Meglio dell'Inter di Mancini, ad un passo dal Milan di Capello: i numeri che lanciano la Juve di Conte nella storia

Speciale - Meglio dell'Inter di Mancini, ad un passo dal Milan di Capello: i numeri che lanciano la Juve di Conte nella storia

Getty Images

La Juventus di Antonio Conte è imbattuta in questa stagione ed è ad un solo risultato utile dal record del Milan 1991-92 griffato Fabio Capello.

Fra la frenesia dei media che è seguita alle vittorie della Juventus contro Lazio e Roma, si è perso probabilmente di vista il fatto che la squadra di Antonio Conte ha compiuto un grande passo verso l'immortalità.

Grazie alle vittorie contro le due squadre capitoline, la Juve ha ora portato a 33 la serie di gare consecutive senza subire sconfitte, due in più del filotto di risultati positivi messo insieme dall'Inter di Roberto Mancini nella stagione 2006/2007, che si fermo infatti a 31 gare.

Certo, i tifosi della Juventus potranno dire che quell'Inter fu agevolata dal fatto che la squadra bianconera in quella stagione militava in Serie B, a seguito delle sanzioni inflittegli per il caso-Calciopoli, ma questo è tutta un'altra storia.

Ora i bianconeri hanno raggiunto la Fiorentina scudettata del 1955/1956, che si fermò appunto a 33 risultati utili consecutivi perdendo col Genoa per 3-1 nell'ultima partita della stagione, subendo due goal nei minuti finali di gara.

RECORD DI IMBATTIBILITA' IN A IN UNA SINGOLA STAGIONE
INTER (06-07)
JUVENTUS (11-12)
FIORENTINA (55-56)
MILAN (1991-92)
31 partite 33 partite 33 partite 34 partite
 Fiorentina (t) V 3-2  Parma (c) V 4-1  Pro Patria (t) P 2-2  Ascoli (t) V 1-0
 Sampdoria (c) P 1-1  Siena (t) V 1-0  Padova (c) V 1-0  Cagliari (c) V 1-0
 Roma (t) V 1-0  Bologna (c) P 1-1  Juventus (t) V 4-0  Juventus (t) P 1-1
 Chievo (c) V 4-3  Catania (t) P 1-1  Inter (c) P 0-0  Fiorentina (c) P 1-1
 Cagliari (t) P 1-1  AC Milan (c) V 2-0  Bologna (t) V 2-0  Genoa (c) P 1-1
 Catania (c) V 2-1  Chievo (t) P 0-0  Atalanta (c) V 4-1  Atalanta (t) V 2-0
 Udinese (t) P 0-0  Genoa (c) P 2-2  Vicenza (t) P 1-1  Parma (c) V 2-0
 Livorno (c) V 4-1  Fiorentina (c) V 2-1  Torino (c) V 2-0  Bari (t) V 1-0
 AC Milan (t) V 4-3  Inter (t) V 2-1  Novara (t) P 1-1  Roma (c) V 4-1
 Ascoli (c) V 2-0  Palermo (c) V 3-0  AC Milan (c) V 2-0  Sampdoria (t) V 2-0
 Parma (t) V 2-1  Lazio (t) V 1-0  Roma (c) V 2-0  Cremonese (c) V 3-1
 Reggina (c) V 1-0  Napoli (t) P 3-3  Triestina (c) V 1-0  Inter (t) P 1-1
 Palermo (t) V 2-1  Cesena (c) V 2-0  Napoli (t) V 4-2  Torino (c) V 2-0
 Siena (c) V 2-0  Roma (t) P 1-1  SPAL (c) P 0-0  Lazio (t) P 1-1
 Empoli (t) V 3-0  Novara (c) V 2-0  Sampdoria (c) P 0-0  Napoli (c) V 5-0
 Messina (c) V 2-0  Udinese (t) P 0-0  Lazio (t) P 2-2  Verona (t) V 1-0
 Lazio (t) V 2-0  Lecce (t) V 1-0  Genoa (c) V 3-1  Foggia (c) V 3-1
 Atalanta (c) V 2-1  Cagliari (c) P 1-1  Pro Patria (c) V 4-1  Ascoli (c) V 4-1
 Torino (t) V 3-1  Atalanta (t) V 2-0  Padova (t) V 1-0  Cagliari (t) V 4-1
 Fiorentina (c) V 3-1  Udinese (c) V 2-1  Juventus (c) V 2-0  Juventus (c) P 1-1
 Sampdoria (t) V 2-0  Siena (c) P 0-0  Inter (t) V 3-1  Fiorentina (t) P 0-0
 Chievo (t) V 2-0  Parma (t) P 0-0  Bologna (c) P 0-0  Genoa (t) P 0-0
 Cagliari (c) V 1-0  Catania (c) V 3-1  Atalanta (t) P 0-0  Atalanta (c) V 3-1
 Catania (t) V 5-2  AC Milan (t) P 1-1  Vicenza (c) V 2-0  Parma (t) V 3-1
 Udinese (c) P 1-1  Chievo (c) P 1-1  Torino (t) V 1-0  Bari (c) V 2-0
 Livorno (t) V 2-1  Bologna (t) P 1-1  Novara (c) V 4-2  Roma (t) P 1-1
 AC Milan (c) V 2-1  Genoa (t) P 0-0  AC Milan (c) V 3-0  Sampdoria (c) V 5-1
 Ascoli (t) V 2-1  Fiorentina (t) V 5-0  Roma (t) P 1-1  Cremonese (t) P 1-1
 Parma (c) V 2-0  Inter (c) V 2-0  Triestina (t) P 1-1  Inter (c) V 1-0
 Reggina (t) P 0-0  Napoli (c) V 3-0  Napoli (c) P 0-0  Torino (t) P 2-2
 Palermo (c) P 2-2  Palermo (t) V 2-0  SPAL (t) V 1-0  Lazio (c) V 2-0
     Lazio (c) V 2-1  Sampdoria (t) P 0-0  Napoli (t) P 1-1
     Roma (c) V 4-0  Lazio (c) V 4-1  Verona (c) V 4-0
             Foggia (t) V 8-2

Al momento, la Juventus è ad un solo passo dal raggiungere il record stabilito dal Milan di Fabio Capello nella stagione 1991/1992, che conquistò 34 risultati utili consecutivi, praticamente la formazione rossonera rimase imbattuta per tutto il campionato, che in quella stagione era a 18 squadre. Anche il Perugia concluse un campionato imbattuto, nella stagione 1978/1979, ma in quella stagione la Serie A annoverava solo 16 squadre.

RECORD DI IMBATTIBILITA'
Club

AC Milan

Fiorentina

Perugia

Inter

Juventus
Periodo

Mag 91 - Mar 93

Apr 55 - Giu 56

Mag 78 - Ott 79

Apr 06 - Apr 07

Mag 11 - oggi
Partite

58

40

37

33

33
Anche la Juventus è sulla strada che porta a chiudere imbattuta per l'intero campionato. Sulla strada dei bianconeri ci sono ora cinque squadre di bassa classifica come Cesena, Novara, Lecce, Cagliari e Atalanta.

Di queste l'Atalanta è la squadra piazzata meglio in classifica col 14° posto e una salvezza quasi in tasca. Lecce e Cagliari sono le squadre ancora in piena lotta per non retrocedere, mentre a Cesena e Novara rimangono ormai ben poche speranze di conservare la permanenza nel massimo campionato. Sulla carta sfide non difficilissime per i bianconeri, ma è da ricordare come finora la squadra di Conte abbia incontrato difficioltà più con le cosiddette provinciali che con le big del nostro campionato.

E' vero, la squadra bianconera può concludere la stagione imbattuta, come fece il Milan. Se si prendono in considerazione più campionati, però, la striscia di imbattibilità del Milan di Capello fu ben più lunga delle 34 gare della stagione 1991/1992, perchè si prolungo poi fino al 21 marzo del 1993, stabilendo il record di 58 partite senza subire sconfitte.

Curiosamente, l'imbattibilità del Milan inizio col Parma e si interruppe proprio con la squadra emiliana, quando il colombiano Faustino Asprilla mise a segno il goal-partita dell'1-0, con un calcio di punizione dai 25 metri, con cui la formazione ducale mise ko i rossoneri a San Siro.

E' chiaro, comunque, che queste statistiche sono l'ultima cosa che avrà in mente Conte in questo momento. Come ogni buon allenatore, il mister bianconero sta senza dubbio pensando a una partita alla volta. E il monito lanciato nell'ultima conferenza stampa ("Il calcio si ricorda soltanto dei primi") ne è una forte testimonianza.

Sullo stesso argomento