thumbnail Ciao,

Il tecnico del Borussia Dortmund è stato espulso per proteste e a fine gara si è scusato con l'assistente dell'arbitro facendo pubblica ammenda per il suo comportamento.



Il Borussia torna a Dortmund con una sconfitta sul groppone rimediata al San Paolo di Napoli al termine di una bella partita disputata dai partenopei e una meno bella gara della sua squadra, che solo nel finale ha messo in difficoltà Higuain e compagni. Jurgen Klopp, poi, è stato cacciato dall'arbitro dopo il primo goal del Napoli a seguito delle sue veementi proteste. Espulso in seguito anche Weindenfeller, il portiere del Borussia.
 
"Con l'assistente dell'arbitro mi sono arrabbiato molto - ha spiegato poi in conferenza stampa il tecnico tedesco - L'ho accusato di non aver visto qualcosa. Si è trattato di un mio problema e gli ho chiesto scusa. Sono stato travolto dall'emozione del momento e ho tirato fuori il peggio di me. C'è stato un altro rosso che è seguito al mio che è stato anche peggio. Da li in poi la partita s'è messa male. Nella ripresa abbiamo preso una traversa e fatto un goal, ma non è stato abbastanza".

"L'espulsione per me non è un fatto nuovo, era già successo - ha detto ancora il tecnico del Borussia - Ogni anno questa competizione è diversa. A prescindere dalla sconfitta di oggi, in questo girone possiamo far bene, anche se è uno dei gruppi più difficili. Quella di oggi è stata una sconfitta meritata, ma qualcosa di buono è stato comunque fatto".

"Dopo l'espulsione ho seguito la partita da una cabina vicino alla tribuna - ha proseguito Klopp - Da lì è stato difficile perché non si poteva vedere in prima persona quello che succedeva. Ho comunque osservato i cambi che sono stati fatti dal mio vice, con grande fiducia nei suoi confronti visto che è un tecnico di grande esperienza". Si torna poi a parlare dell'episodio che ha scatenato l'ira che è costata il rosso a Klopp: "L'ingresso di Subotic prima dell'angolo del Napoli? E' stata una valutazione dell'arbitro. Subotic aveva una piccola ferita sulla fronte e l'arbitro ha deciso così".

Il tecnico tedesco ha espresso poi grande stima nei confronti del Napoli... "Ha giocatori eccezionali - ha detto - Può andare molto lontano in questa competizione. Quella di oggi, comunque, è solo una partita, avessimo vinto oggi sarebbe stata una grande vittoria proprio perché abbiamo giocato contro la compagine partenopea che è una grande squadra". Nel post-gara Klopp ha voluto incontrare Insigne per complimentarsi di persona per il goal su punizione dello scugnizzo partenopeo.

Sullo stesso argomento