thumbnail Ciao,

Roura non si fida del Milan: "Resta sempre una delle grandi squadre europee. Barcellona favorito? Non esistono favoriti in gare così"

Il vice di Tito Vilanova non ha voluto entrare nel merito dei consigli dati da Berlusconi ad Allegri per fermare Messi: "Non entro in questi discorsi".

Alla vigilia dell'andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Milan, il vice di Tito Vilanova, Jordi Roura, ha parlato in conferenza stampa della sfida stellare di San Siro contro i rossoneri.

Il tecnico del Barcellona non si fida della squadra di Allegri, nonostante i favori del pronostico siano tutti per i catalani. "Lo abbiamo studiato, è un Milan diverso da quello dello scorso anno, con giocatori diversi - ha detto - Eppure penso che potrebbe essere una partita simile a quella di un anno fa. E' sempre bello comunque venire qui, San Siro è uno stadio stupendo. Il Milan resta una delle grandi squadre europee e fa sempre paura giocare contro di loro".

"Barcellona favorito? Non ci sono favoriti in partite così - ha aggiunto - La qualificazione si deciderà al ritorno a Barcellona". Per quanto riguarda la formazione titolare, il tecnico spagnolo non si è sbilanciato sull'impiego di Sanchez: "Non ho ancora deciso chi giocherà, vedremo domani con Tito - ha dichiarato - Alexis lavora molto bene e sono sicuro che supererà questo momento difficile. Il suo atteggiamento e il suo modo di allenarsi sono encomiabili".

I tifosi si aspettano il passaggio ai quarti, ma Roura predica prudenza. "A Barcellona tutti vogliono passare ai quarti, ma noi della squadra sappiamo che non sarà facile - ha sottolineato - La Champions manca a questo club, i giocatori sono più felici quando giocano contro grandi squadre".

Il vice-Vilanova preferisce non commentare i consigli dati dal presidente Berlusconi a mister Allegri per fermare Messi: "Non entro in questi discorsi, come gioca il Milan lo decide Allegri", ha affermato.

Secondo alcuni il punto debole dei catalani potrebbe essere la difesa, ma Roura non sembra essere particolarmente preoccupato per la presunta vulnerabilità della propria retroguardia. "Nelle ultime partite abbiamo subito dei goal, - ha ammesso - ma per fortuna ne abbiamo fatti sempre qualcuno in più. Abbiamo cercato di risolvere alcune situazioni difensive perché non sempre si puó rimontare".

Quindi sul possibile rientro di Abidal per la gara di ritorno. "Non so se ci sarà. - ha affermato - Non penso che abbia ancora il permesso del medico per tornare a giocare".

Sullo stesso argomento