thumbnail Ciao,

Mercoledì, a San Siro, di scena l'andata degli ottavi di Champions League: "Voglio pensare solo al campo ed aiutare la squadra, è fondamentale segnare e non subire".

Nessuno sentirà la gara di San Siro contro il Barcellona più di Bojan Krkic. L'attaccante catalano, arrivato al Milan in estate dopo un solo anno di Roma, ha indossato al casacca della formazione blaugrana per 12 anni, dai primi passi nelle giovanili fino alla vittoria di Liga e Champions.

"E' una partita diversa, speciale per me. Però non voglio pensare a quello che ho dentro, voglio pensare solo al campo e ai 90 minuti di calcio che ci aspettano. Non ho mai giocato contro il Barcellona ed è per questo che per me è più di una partita, ma io penso solo ad aiutare la squadra, è l'unica cosa che voglio fare".

Attraverso il sito ufficiale dei rossoneri, il classe 1990 cerca di dare la scossa: "Noi siamo in un buon momento, dobbiamo avere fiducia, dobbiamo cercare di avvicinarci alla partita lavorando bene e pensando che siamo negli ottavi di Champions League contro il Barcellona, al centro di un grande evento".

Sarà una sfida dai mille signidicati: "Siamo di fronte ad un confronto che non è una partita da 3 punti. Sono 180 minuti in cui contano i goal. E' fondamentale segnare, ma anche non subire. Dobbiamo rimanere uniti per tutti i 180 minuti che ci aspettano contro il Barcellona".

"Tra Milan e Barcellona ci sono molte similitudini - ha proseguito Bojan - Ci sono grandi giocatori e c'è una filosofia vincente: ogni anno si deve puntare a vincere qualcosa. Per quanto mi riguarda, io non devo dimostrare niente a nessuno, il Milan lo sa e il Barça mi conosce bene. Queste sono partite importanti e quello che fai ti valorizza ancora di più. Nel calcio non c'è niente di impossibile. Certo è una partita molto difficile e dovremo dare il massimo. Non è una partita singola ma si gioca sui 180 minuti e segnare mercoledì, per noi, sarà fondamentale".

E una grande mano, secondo l'attaccante spagnolo, possono darlla i tifosi rossoneri... "Servirà un grande pubblico mercoledì - ha detto - Vedere San Siro pieno ci darà una grande mano. Speriamo in un grande supporto da parte di tutto il pubblico per provare una grande impresa".

Sullo stesso argomento