thumbnail Ciao,

Juve-Celtic, Nedved è contento del sorteggio, un po' meno di aver incontrato Steve: "Poteva andarci peggio. Rivedere McManaman mi ha fatto male..."

Il dirigente bianconero ha voluto commentare quanto accaduto all'urna di Nyon. Non ha potuto fare a meno di notare una presenza poco piacevole per lui...

E' andata bene, almeno sulla carta, alla Juventus di Conte, che negli ottavi di finale di Champions League affronterà gli scozzesi del Celtic Glasgow. Ha voluto commentare quanto accaduto a Nyon, ai microfoni di Mediaset Premium, il dirigente bianconero Pavel Nedved.

"E' vero che avrebbe potuto anche andarci peggio, ma il Celtic rimane in ogni caso una squadra che dovremo affrontare con il massimo rispetto, non ci dimentichiamo che in questo anno sono stati gli unici che hanno battuto il Barcellona. Molti dei nostri ragazzi non hanno mai giocato in Champions a questi livelli, ma queste partite fanno parte del nostro progetto di crescita, questa squadra deve avere il tempo di fare bene anche in Europa".

Uno dei cerimonieri è stato l'ex-Real Madrid Steve McManaman, un fallo nei suoi confronti gli costò la finale di Manchester del 2003 poi persa col Milan: "Ho visto McManaman, rivederlo mi fa male. Mi ricorda quel fallo su di lui che mi è costato l'ammonizione e mi ha fatto saltare la finale contro il Milan nel 2003".

Infine Nedved si è sofferma anche sul tema mercato, ammettendo come l'infortunio di Chiellini potrebbe aprire nuove prospettive in vista di gennaio: "Purtroppo ieri Giorgio si è fatto male, adesso dovremo reagire. Siamo pronti ad aiutare la squadra e Antonio Conte".

Sullo stesso argomento