thumbnail Ciao,

L'ad bianconero è convinto della forza della squadra, in grado, a suo dire, di giocarsela con qualunque avversario. Grande gioia da parte sua per l'imminente rientro di Conte...

"Non siamo a livello di Barcellona e Real Madrid, ma dopo una serata così abbiamo l'autostima alle stelle". Non sta nella pelle Beppe Marotta dopo il successo della sua Juventus a Donetsk. "Ora possiamo incontrare qualunque avversario", è la convinzione dell'ad bianconero, che vede una squadra in costante crescita, anche a livello internazionale.

"C'era tanta ansia per questa partita - le parole del dirigente a 'Sky' - anche se in campo ho visto i ragazzi piuttosto rilassati. Abbiamo iniziato la gara con un po' di timore, poi man mano ci siamo sciolti e abbiamo fatto bene". Grande gioia da parte sua per il ritorno in panchina di Antonio Conte, che diventerà realtà a Palermo, nel prossimo impegno di campionato: "Sono felicissimo per lui, finalmente può tornare a fare il suo lavoro, così come merita".

Ai microfoni di 'SportMediaset', Marotta ha poi ulteriormente evidenziato il suo orgoglio per il risultato raggiunto: "Ad inizio stagione non era per nulla certo. Abbiamo cercato la vittoria in tutti i modi, l’impresa che abbiamo compiuto è straordinaria ed è arrivata grazie al lavoro che hanno svolto tutti. Ora non so quanto investiremo, dei proventi per il passaggio del turno, nel mercato di gennaio, anche perché non intendiamo stravolgere un gruppo che sta facendo benissimo in Italia e in Europa".

Un'ultima battuta sugli ottavi: "Chi preferisco? La sfida più difficile era questa: se affrontiamo le prossime gare con questa determinazione tutto è possibile".

Sullo stesso argomento